Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaAmbiente › Igiene urbana Sassari: il M5S all'attacco
Red 9 febbraio 2018
«Spendere tanto per un servizio inefficiente? Inammissibile», dichiara Desirè Manca, portavoce del Movimento 5 stelle nel Consiglio comunale di Sassari, in riferimento alla grave situazione legata al servizio di igiene urbana
Igiene urbana Sassari: il M5S all'attacco


SASSARI - «Spendere per un servizio non efficiente? Uno spreco di risorse in partenza». Il Piano economico e finanziario stilato dell’Amministrazione comunale di Sassari è stato approvato. Il sindaco Nicola Sanna, il Partito democratico ed i partiti che compongono la Maggioranza, fra le altre cose, «hanno decretato che nel 2018 la spesa da sostenere (a carico dei cittadini) per il contratto di igiene urbana sarà pari a circa 26milioni di euro».

«La spesa per un servizio è giustificata dall’efficienza dello stesso. Ma se questo non accade, se non vi è corrispondenza, se sono addirittura i sindacato a sottolineare l’inefficienza della struttura e del servizio stesso, allora c’è qualcosa che non va. E non quadra - afferma Desirè Manca, portavoce nel Consiglio comunale di Sassari del Movimento 5 stelle - Mi chiedo come sia possibile che Fiadel e Fit.Cisl in due comunicazioni distinte, si rivolgano all’Amministrazione comunale per lamentare alcune fastidiose anomalie nella gestione dell’appalto in essere? E come è possibile, di conseguenza, che l’assessore competente in materia non conceda loro udienza? Questo accade a Sassari». «Manca il controllo, mancano verifiche adeguate su una situazione che, degenerando, rischia di lasciare la città di Sassari scoperta ed allo sbando».

«A giugno dello scorso anno, avevo segnalato la cosa con apposita interrogazione, ancora non discussa. Nello specifico lamentavo il non funzionamento dei macchinari lavacassonetti, legato ad una condizione di mancato controllo. Oggi accade che la società Ambiente Italia, titolare dell’appalto, si ritrovi senza acqua causa distacco del contatore acqua da parte di Abbanoa. Immaginate le precarie condizioni igienico-sanitarie in cui lavorano i dipendenti dell’azienda». Ancora, succede che «i mezzi che il Comune di Sassari paga come da contratto annuale, spesso vengono impiegati in ambito esterno al contratto in essere. Questo comporta la necessità di costringere il personale a turnare, con la città che intanto rimane scoperta. E allora, ribadisco, come è possibile che nessuno verifichi? Come è possibile che a fronte del pagamento di un importo così elevato non esista un organo di controllo che garantisca e tuteli il sevizio e gli operatori chiamati a prestarlo? Attendo risposte», conclude Manca.

Nella foto: il consigliere comunale Desirè Manca
Commenti
16:07
Procede spedito il precorso di trasformazione del sito dell’Arenosu ad Alghero. Al via la gara telematica bandita dalla Centrale unica di committenza per un importo di 101.787,90euro per lo sfalcio integrale della superficie per consentire l’individuazione completa di tutti i rifiuti
19:27
«Gestione attiva e innovazione per la conservazione e la fruizione dei boschi sardi» è la strada indicata dagli assessori regionale della Difesa dell´ambiente Donatella Spano e del Turismo, artigianato e commercio Barbara Argiolas
23:39
Il chiarimento dell´assessore alle Politiche Sociali del Comune di Alghero, Lalla Cavazzutti: nel giardino dell´ex ostello sono semplicemente in corso i lavori di riqualificazione
19/11/2018
Marco Busdraghi, Paola Deiana, Daria Derriu, Nadia De Santis, Roberto Ferrara, Paolo Guglielmi, Fabio Manca, Paolo Piria, Graziano Porcu, Daniele Resio, Pasqualino Sotgia contrariati per l´annullamento della manifestazione nazionale #alberiperifuturo
14:51
Uno speciale taglia erba e altri due trinciatori adatti per i grandi spazi verdi. Sono i nuovi strumenti per ridurre i tempi degli interventi della società Multiservizi e ottimizzare la programmazione
19/11/2018
Dal Tribunale di Sassari arrivano ulteriori due pesanti condanne per chi aveva manomesso fraudolentemente la rete idrica pubblica con l’obiettivo di avere acqua in maniera gratuita sulle spalle della collettività
© 2000-2018 Mediatica sas