Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAnimaliNiente metodi cruenti sui daini di Porto Conte
Carmelo Spada 14 febbraio 2018
L'opinione di Carmelo Spada
Niente metodi cruenti sui daini di Porto Conte


Il Wwf, benché il prelievo selettivo nei parchi sia previsto, ritiene che si debba operare preliminarmente una gestione della fauna in maniera oculata nel medio e lungo periodo, proprio per evitare di giungere a soluzioni estreme come quella dell’eliminazioni fisica con metodi cruenti di esemplari di una specie animale. Nello specifico della popolazione di daino, nell’area del Parco regionale di Porto Conte, la cui presenza è documenta in tempi storici e in cui si è ben adattato nonostante i cambiamenti subiti dalla copertura vegetale, ha un rapporto stretto con l'ambiente, tanto da essere funzionale con la conservazione di un nucleo di dimensioni tali da garantire condizioni di sostenibilità per l’ecosistema e per le sue interazioni con l‟uomo.

Tuttavia, nello specifico del piano di prelievo selettivo elaborato dal Parco regionale di Porto Conte, seppur comprendiamo la situazione di squilibrio nel rapporto di sostenibilità dell’ecosistema che deve garantire la vita a tutte le specie animali e vegetali, riteniamo che si debba procedere in maniera alternativa all’abbattimento, per fasce di età e sesso, di oltre cinquanta daini. Il Wwf chiede che venga effettuato un monitoraggio regionale ed extra-regionale al fine di verificare la disponibilità di accogliere esemplari di daino per sottrarli all’abbattimento.

Il Wwf Oasi, sin da ora, dichiara la propria disponibilità ad accogliere, nella propria oasi naturale di Monte Arcosu, quattro esemplari di daino del Parco regionale di Porto Conte. E’ un segnale preciso e concreto, che speriamo venga seguito da tanti altri.

* delegato Wwf per la Sardegna
Commenti
9:56
Italia nostra Sardegna chiede pertanto l’immediata revoca degli abbattimenti dei daini nel Parco di Porto Conte e la contestuale adozione di un piano alternativo coerente con la salvaguardia degli ecositemi isolani e con una corretta gestione del patrimonio faunistico
15/2/2018
Il Comitato zonale Nurra collaborò con il Parco di Porto Conte per la raccolta delle segnalazioni della presenza degli ungulati da parte dei tanti agricoltori ormai esasperati ai massimi livelli per il sovrannumero di tali specie
15/2/2018
Raniero Selva interviene in merito ai Daini di Porto Conte: «Siamo convinti che il Parco Naturale Regionale di Porto Conte non voglia assolutamente sopprimere animali o favorire l’uso delle doppiette. Sarebbe una evidente contraddizione inaccettabile con le sue principali finalità istituzionali»
15/2/2018
Legambiente Sardegna chiede che la scelta degli abbattimenti venga revocata invitando l´assessore regionale della Difesa dell´Ambiente ad adottare un piano alternativo coerente con gli obiettivi della Carta delle vocazioni faunistiche e del Piano regionale Faunistico-venatorio
© 2000-2018 Mediatica sas