Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaAmministrazione › Sassari: il Consiglio torna in aula
Red 19 febbraio 2018
I lavori della massima assise cittadina proseguiranno martedì pomeriggio. Otto i punti all´Ordine del giorno. La discussione si aprirà sull'autorizzazione del credito volumetrico del 30percento relativamente al progetto di integrale demolizione del fabbricato residenziale esistente tra le vie Biasi, Binna e Casula
Sassari: il Consiglio torna in aula


SASSARI - I lavori del Consiglio comunale di Sassari proseguiranno domani, martedì 20 febbraio, alle 15.30, a Palazzo Ducale. Otto i punti all'Ordine del giorno della massima assise cittadina. La discussione si aprirà sull'autorizzazione del credito volumetrico del 30percento e l'indicazione dei parametri urbanistici ed edilizi dell'intervento, relativamente al progetto di integrale demolizione del fabbricato residenziale esistente tra le vie Biasi, Binna e Casula e successiva ricostruzione, di “Cau Aedilis”.

Spazio poi all'approvazione del regolamento in materia di accesso civico ed accesso generalizzato ed alla proposta di approvazione del nuovo regolamento del servizio barracellare. In discussione, poi, l'adozione definitiva della variante al Puc, per la nuova perimetrazione del centro di antica e prima formazione dell'Argentiera.

A quel punto, toccherà al consigliere Murru illustrare due interrogazioni, sulla “Scuola dell'infanzia di Via Ardara” e sull'“Immobile comunale sito all'interno dell'area denominata “Ex colonia campestre””. Spazio alla mozione del consigliere Masala e più sulla “Candidatura della città di Sassari e della rete metropolitana per ospitare l'assemblea nazionale Anci”. Conclusione dedicata all'interrogazione della consigliera Desirè Manca su “Controlli e disservizi contratto di igiene urbana”.
Commenti
23:38
Razionalizzare le risorse umane all’interno degli uffici del Comune di Porto Torres per colmare alcune carenze nei settori nevralgici dell’ente. A chiederlo sono i dipendenti comunali e il sindacato Cisl-Fp
© 2000-2018 Mediatica sas