Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaTrasportiM5s a Sassari: obiettivo fermate pericolose
Red 28 febbraio 2018
«Ora tutti conoscono la situazione di pericolo generata dalle condizioni e posizionamento di alcune fermate Atp cittadine», dichiara Desirè Manca, portavoce del Movimento 5 stelle in Consiglio comunale
M5s a Sassari: obiettivo fermate pericolose


SASSARI - Le fermate dell’autobus Atp prive di illuminazione, senza marciapiede e site in prossimità di curve rappresentano un pericolo reale per la sicurezza dei cittadini di Sassari: «Lo dico da tempo, ma adesso tutti sanno. Il problema ora non può più essere ignorato, ma soprattutto non doveva essere ignorato, perché a rischio c’è la vita dei cittadini, l’unica priorità di un’Amministrazione pubblica». Desirè Manca torna sul tema e ribadisce il concetto già più volte espresso, urlato addirittura.

«Lo stato di pericolo creato dalla particolare ubicazione di alcune fermate Atp crea un vero e proprio stato di pericolo. Una proposta del Movimento 5 stelle puntava ad installare lampioni ad energia solare in prossimità delle suddette fermate Atp poste nelle vie di illuminazione pubblica: proposta che l’Amministrazione comunale di Sassari del sindaco Nicola Sanna, il Pd e i partiti della Maggioranza hanno avuto il coraggio di bocciare».

La reazione della portavoce pentastellata in Consiglio comunale c’è stata, ed è stata veemente: «In qualità di amministratore comunale ho provveduto ad inviare a tutti gli organi istituzionali preposti una nota informativa e conoscitiva con annessa richiesta di intervento: Procura della Repubblica, sindaco di Sassari, comandante dei Vigili urbani, comandante della Squadra Mobile della Polizia stradale. Tutti dovevano essere informati. Perché? Perché è mio dovere tutelare i cittadini, ed è mio dovere cercare di evitare che capitino incidenti mortali a causa dell’incuria di chi dovrebbe sorvegliare che dovrebbe intervenire».

«Noi chiediamo fatti – insiste Manca - e i fatti devono essere posti in essere prima che ci scappi il morto. La realtà è che dobbiamo intervenite tutti, in primis l’Amministrazione comunale. Il tutto deve accadere su due fronti: quello del garantire l'illuminazione pubblica anche con lampioni solari a costi limitati e sostenibilità. Sull'altro fonte, chiediamo la convocazione di un tavolo urgente con l’Amministrazione dell’azienda Atp (di cui il Comune di Sassari detiene circa il 72percento) per ragionare sullo spostamento delle fermate più pericolose con adeguamento delle stesse agli standard di sicurezza per prevenire i conclamati stati di pericolo», conclude il consigliere comunale sassarese.

Nella foto: una delle fermate prese ad esempio
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas