Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaLingue › 150mila euro per i cartoni animati in sardo
Red 1 marzo 2018
La Regione autonoma della Sardegna investe nell´animazione nelle televisioni locali, nei prodotti musiciali radio e nelle applicazione destinate alle scuole
150mila euro per i cartoni animati in sardo


CAGLIARI - La Pimpa parla in sardo e Boreddu va alla scoperta dei Giganti di Mont’e Prama. Da domenica 4 marzo, la Rai trasmetterà il cartone animato “La Pimpa” con doppiaggio in lingua sarda. E’ questo uno dei progetti di animazione realizzati con il contributo di 150mila euro che la Regione autonoma della Sardegna (grazie anche al lavoro della coalizione in Consiglio regionale) ha utilizzato, per indire due bandi, per la realizzazione di opere audiovisive di animazione in lingua sarda destinate a bambini e ragazzi in età scolare.

«Questo bando, e la conseguente realizzazione dei prodotti finali, hanno una importanza straordinaria nelle politiche per la lingua sarda che stiamo portando avanti - ha dichiarato l’assessore regionale della Cultura Giuseppe Dessena - i cartoni animati diventano così il veicolo di conoscenza (il più attrattivo possibile) attraverso il quale i bambini si avvicinano alla lingua. Abbiamo cercato e trovato uno strumento concreto adatto alla loro età, che può essere diffuso attraverso i media e le applicazioni per cellulari, tablet e lim a scuola. Sono le nuove generazioni che possono e devono garantire il futuro della lingua, la nostra eredità. Per questo, dobbiamo rivolgerci alle famiglie e alle scuole, che in maniera concreta si impegnino, anche attraverso l’uso di questi strumenti, a guidare i ragazzi verso una conoscenza corretta della lingua e della cultura sarda».

Il primo bando da 100mila euro, per prodotti audiovisivi, è stato vinto da quattro operatori del settore. Zena società cooperativa (che ha prodotto “Nausicaa l’altra Odissea”, dodici puntate dedicate ad importanti figure di donne del Mediterraneo), A Service studio (che ha realizzato “Boreddu ed Is gigantis de Mont’e Prama”, cartone animato in 3d destinato alla diffusione in tv locali ed alle scuole, che narra delle bellezze archeologiche e culturali dell’Isola), “Chirchende a Monica” (è l’applicazione in lingua sarda per cellulari, tablet e Lim creata da Ag.net press: un gioco multimediale con animali per bambini dai quattro ai dieci anni d'età, da utilizzare anche con finalità didattiche) e la quarta serie de “La Pimpa” (doppiata in lingua sarda da Rai Com, andrà in onda su RaiTre da domenica: ventisei puntate da 5' circa.

Il secondo bando da 50mila euro, per prodotti musicali e di animazione, è stato vinto da Radio X, che ha realizzato un ciclo di radiodrammi scritti, musicati (ed animati per il sito internet) intitolati “Sa famill’ e Coccerinu. Cullera, Frocchitta e Coccerinu…Bai cicca”, sulle tradizioni culturali ed alimentari in Sardegna. Sarà cura della Regione mettere i materiali a disposizione delle scuole.

Nella foto: l'assessore regionale Giuseppe Dessena
Commenti
21/6/2018 video
Le immagini dell´insediamento della delegazione nella sede di Palazzo Serra. «L´algherese può essere salvato soltanto dagli algheresi» è stato ripetuto e sottolineato da tutti, con la consapevolezza che l´unione di progetti e idee, con le preziose collaborazioni avviate, può supportare la crescita nell´uso della lingua tra i più giovani
21/6/2018
Il documentario, che mostra la presenza del catalano nella città catalana di Sardegna attraverso le canzoni tradizionali, ha debuttato nella tv pubblica catalana con oltre 155mila spettatori. La Plataforma per la Llengua reclama che si possa vedere Tv3 ad Alghero. La canzone dell´estate in Catalogna potrebbe essere in algherese
© 2000-2018 Mediatica sas