Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSportAtletica › SoloWomenRun: pettorale 1 per Sara Paschina
Red 10 marzo 2018
Ieri mattina, la prima classificata lo scorso anno alla Cagliari SoloWomenRun, ha ricevuto il pettorale numero 1 della Challenge da Isa Amadi, ideatrice di SoloWomenRun
SoloWomenRun: pettorale 1 per Sara Paschina


CAGLIARI – Ieri mattina (venerdì), Sara Paschina, prima classificata lo scorso anno alla Cagliari SoloWomenRun, ha ricevuto il pettorale numero 1 della Challenge da Isa Amadi, ideatrice di SoloWomenRun. Con il tempo di 38'34”, Sara è stata la prima a tagliare il traguardo nella passata edizione e si prepara a tornare in gara anche domani, domenica 11 marzo, quando saranno oltre 7mila a correre la quarta edizione della Cagliari SoloWomenRun, nell’evento sportivo più attivamente partecipato della Sardegna.

Percorso rinnovato e tutto cittadino, che partirà da Largo Carlo Felice, nell’intera sede stradale da Piazza Yenne all’intersezione con Via Roma, e si snoderà poi lungo Via Roma, Viale Diaz, Via Dante Alighieri, Piazza San Benedetto, Via Paoli, Piazza Garibaldi, Via Garibaldi, Piazza Costituzione e Via Manno, per rientrare in Largo Carlo Felice, dove sarà posizionato l’arrivo. La gara Open prevede un solo giro, quella Challenge due. Alla fine della corsa, grande festa con il lancio delle polveri rosa, il Color Blast, che sarà annunciato dal palco.

La Cagliari SoloWomenRun è organizzata da 42K, in collaborazione con Apd Miramar e sotto l’egida di Asi, con il sostegno di alcuni sponsor privati, con il patrocinio del Comune di Cagliari. Doani, a fine corsa, saranno premiate le prime tre classificate assolute e le prime di categoria della prova Challenge e per la Open la più giovane, la meno giovane, la partecipante che arriva da più lontano in assoluto, l’associazione Charity goal più numerosa ed il gruppo più numeroso.

Nella foto: Sara Paschina riceve il pettorale 1 da Isa Amadi
Commenti
22/6/2018
Il 20enne milanese di padre gallurese ha fermato i cronometri sul 9”99, piazzandosi al secondo posto nei 100metri piani del Meeting di Madrid, 2centesimi di secondo meglio del precedente record, fatto segnare da Pietro Mennea nel 1979 a Città del Messico
© 2000-2018 Mediatica sas