Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCulturaSanità › Rimosso l´amianto a San Camillo
Red 14 marzo 2018
Questa mattina, è stato rimosso l´amianto dalla strada vicinale a San Camillo dove, nei giorni scorsi, incivili avevano usato la sostanza potenzialmente pericolosa per coprire delle buche
Rimosso l´amianto a San Camillo


SASSARI – Questa mattina (mercoledì), Ecosarda, la ditta incaricata dal Settore Ambiente del Comune di Sassari, ha provveduto a rimuovere l'amianto e bonificare la zona dove giorni fa incivili avevano depositato il materiale potenzialmente tossico per coprire una buca. Alcuni residenti di Via San Giacomo Medas, una strada vicinale di San Camillo, domenica avevano segnalato alla Polizia locale la presenza di eternit.

Gli agenti hanno immediatamente messo in sicurezza la zona, transennando l'area, e chiamato l'Arpas per i rilievi necessari. Contestualmente, sono partite le indagini degli uomini guidati da comandante Gianni Serra per individuare gli autori di un'azione che potrebbe configurare un reato.

Una volta confermato dall'agenzia regionale che si trattava della sostanza potenzialmente tossica, il Settore Ambiente ha avviato l'iter con carattere d'urgenza, contattato l'azienda specializzata e l'Ats, come previsto dalla normativa. Intanto, la Polizia locale è tornata più volte sul posto per assicurarsi che l'area fosse sempre in sicurezza e transennata: il pericolo, infatti, era dato dal rischio che qualcuno con le auto passasse sopra l'eternit. Oggi, a quarantotto ore dalla conferma della presenza di sostanze potenzialmente pericolose, la bonifica è stata portata a termine.
Commenti
20/9/2018
I partiti dell’opposizione in Consiglio regionale sono tutti d’accordo: la sanità è allo sfascio e per questo hanno presentato una mozione di sfiducia contro l’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru
19/9/2018
Il Piano per l’abbattimento delle liste d’attesa, attuato nell´Unità operativa di Radiologia dell´ospedale Giovanni Paolo II, sta generando ottimi risultati. E´ stato possibile incrementare il numero delle prestazioni aggiuntive per gli esami radiodiagnostici ritenuti urgenti
© 2000-2018 Mediatica sas