Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaScuola › Ozieri: studenti a scuola di migrazione
Red 9 aprile 2018
Ad Ozieri, studenti e richiedenti asilo hanno dialogato sul tema delle migrazioni, alla presenza dell´assessore regionale agli Affari generali Filippo Spanu
Ozieri: studenti a scuola di migrazione


OZIERI - «Un momento di proficuo confronto tra gli studenti e i richiedenti asilo per demolire pregiudizi e diffidenze. Abbiamo analizzato tutti gli aspetti che riguardano le migrazioni, dalle motivazioni che inducono tanti giovani a intraprendere viaggi drammatici verso l’Occidente sino all’accoglienza nei comuni della nostra Isola. Vogliamo offrire una base di conoscenze e di indicazioni sul fenomeno migratorio per smontare le false notizie e le verità strumentali che invadono i social e che non hanno alcun reale fondamento». Lo ha dichiarato l’assessore regionale agli Affari Generali Filippo Spanu al termine dell’incontro sul tema “Migranti, inclusione e integrazione” che si è svolto al Teatro Oriana Fallaci di Ozieri alla presenza degli studenti delle classi quarte e quinte degli istituti superiori “Enrico Fermi” e “Antonio Segni” e dei richiedenti asilo che vivono nei centri di accoglienza della cittadina del Logudoro e di Chilivani.

Inoltre, sono intervenuti i dirigenti scolastici ed i docenti delle due scuole, i sindaci di Ozieri e Tula Marco Murgia e Gino Satta, il vescovo di Ozieri Corrado Melis, la delegata dal presidente Francesco Pigliaru a rappresentare la Regione autonoma della Sardegna per le questioni che riguardano l’accoglienza dei migranti, il mediatore culturale Ahmed Naciri e gli operatori dei due Cas. Il 22enne Seedy ed il 17enne Lamine, nati in Gambia, ed il 19enne Sohel, originario del Bangladesh, hanno spiegato le motivazioni del loro viaggio verso l'Occidente. Non è stato un viaggio normale, ma una vera e propria odissea tra il deserto del Sahara ed il Mar Mediterraneo. I tre studiano la lingua italiana nel Cpia di Sassari, che ha docenti e classi anche ad Ozieri, e coltivano il sogno di una vita diversa da quella che hanno vissuto nei luoghi di origine attraversati da guerre, povertà e forti tensioni religiose.

L'incontro al Teatro Oriana Fallaci ha avuto un particolare significato per le minacce subite dai sindaci di Ozieri e Tula, che guidano Amministrazioni attivamente impegnate nella realizzazione di progetti finalizzati all'inclusione ed all'accoglienza. «Siamo venuti qui - ha spiegato Spanu - per rinnovare il sostegno della a Regione a tutti le Amministrazioni comunali che stanno costruendo, pur tra difficoltà e ostacoli, positivi modelli di inclusione. Siamo al loro fianco e in questa occasione lo abbiamo voluto ribadire». Dall'incontro, sono emerse le incoraggianti esperienze che stanno maturando nel Cas di Ozieri in cui ragazzi sardi e giovani migranti crescono insieme con il dialogo e la reciproca conoscenza.

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas