Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaServizi › Servizi educazione familiare e domiciliare: Pigliaru soddisfatto
Red 20 aprile 2018
«Bene la modifica del regolamento approvata dal Consiglio regionale», sottolinea con soddisfazione il presidente della Regione autonoma della Sardegna
Servizi educazione familiare e domiciliare: Pigliaru soddisfatto


CAGLIARI - «Questa modifica del regolamento, resa possibile grazie all’impegno della nostra coalizione, riprende buone pratiche già sperimentate con successo nel nord Europa ed è particolarmente importante da più punti di vista». Sono le parole del presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru sulla modifica del Regolamento di attuazione della legge regionale n.43/2005, modifica incentrata sui servizi di educazione familiare e domiciliare ed approvata ieri mattina (giovedì) dal Consiglio regionale.

«Il miglioramento delle regole rispetto all’impostazione precedente permetterà di poter trasformare concretamente l’esperienza personale in lavoro – prosegue Pigliaru - creando opportunità di occupazione soprattutto femminile. Nello stesso tempo sarà favorita la presenza del servizio educativo anche in quei piccoli Comuni, soprattutto nelle zone rurali, che finora non sono riusciti a metterlo a disposizione delle loro comunità, ma che adesso potranno impegnarsi per agevolare questo processo. Ma importante è anche l’integrazione al regolamento che riguarda il cosiddetto “Gruppo appartamento”», aggiunge il presidente, in riferimento alla forma di abitare assistito rivolta in particolare a persone affette da disabilità psichica e che prevede in Sardegna, prima regione in Italia, il coinvolgimento costante di utenti e familiari esperti.

«Grazie a questa proposta innovativa, potranno partecipare all’attuazione di percorsi di cura persone che hanno vissuto da vicino la malattia e il disagio – conclude il governatore dell'Isola - aumentando le possibilità di reinserimento nella società e costruendo nello stesso tempo una forma efficace di supporto al benessere sociale».

Nella foto: il presidente della Regione Francesco Pigliaru
Commenti
17/8/2018
Da lunedì, è possibile presentare le domande per accedere al Reddito di inclusione sociale, il programma regionale che prevede un sostegno per le famiglie che vivono una situazione di difficoltà economica, coordinato con lo strumento del Rei adottato a livello nazionale
© 2000-2018 Mediatica sas