Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSportSolidarietà › Giornata di sport all´Amsicora
Red 22 aprile 2018
Cento i richiedenti asilo che si sono assiepati nello stadio cagliaritano per una giornata diversa. «Il modo migliore per favorire inclusione e integrazione», ha sottolineato l´assessore regionale agli Affari generali Filippo Spanu
Giornata di sport all´Amsicora


CAGLIARI - Allo stadio Amsicora di Cagliari, il luogo dello storico scudetto del 1970, sono scesi in campo cento richiedenti asilo che, con sano agonismo e passione, hanno animato la giornata di sport promossa dalla Regione autonoma della Sardegna, in collaborazione con il Coni. L’assessore regionale agli Affari generali Filippo Spanu ed il presidente del Coni Sardegna Gianfranco Fara hanno dato il via alle gare nell’impianto cagliaritano: 100 e 200metri, salto in lungo, hockey su prato e calcio a 7.

«Lo sport, come in altre occasioni – sottolinea Spanu – ha unito giovani di provenienze e culture diverse. Questa volta, abbiamo puntato sull’atletica leggera, una delle discipline più antiche che, pur avendo la caratteristica di sport individuale, crea momenti di condivisione e aggregazione. Nell'iniziativa Diamo un calcio all'intolleranza, abbiamo trovato alcuni talenti che poi sono stati inseriti con successo nei club dei paesi sardi. Questa volta, speriamo di individuare ottimi atleti che si possano cimentare nelle diverse specialità dell'atletica leggera e dell'hockey per arricchire con la tecnica e la forza fisica le società isolane più bisognose di nuove energie». «Abbiamo sostenuto con grande convinzione questa iniziativa – dichiara Fara – perché lo sport, basato sul dialogo e sul rispetto dell'avversario che si affronta sul campo, è il contesto ideale per favorire l'integrazione di tanti giovani giunti in Sardegna con il desiderio di dimenticare i dolori vissuti nei paesi di origine». All’evento, hanno preso parte i richiedenti asilo, ospiti dei Centri di accoglienza dell’Isola, seguiti ed allenati in questa speciale occasione dai tecnici della gloriosa società Amsicora, presieduta da Alessandro Dedoni, che ha fatto gli onori di casa. Giovanni Zucca ha rappresentato la più giovane Cagliari Dinamo academy che, nelle ultime settimane, ha aperto le porte del Palazzetto di Via Rockfeller a tanti giovani migranti, che hanno così assistito alle partite della squadra che milita nel campionato nazionale di serie A2 di pallacanestro maschile.

Alla giornata di sport, all'Amsicora, hanno preso parte anche Desire, Boubou e Bassirou. Desire Moupe, originario del Camerun, ama il calcio ed il football americano, che pratica con buoni risultati. Boubou Dembele, maliano, con grande entusiasmo, si è dedicato alle discipline in programma nell'impianto di Ponte Vittorio. Ma i suoi attuali interessi si concentrano sullo studio della lingua italiana, della matematica e dell'informatica. Bassirou Boiero, che di recente ha visto accolta la sua richiesta d'asilo, è un bravo calciatore, ma oggi non è sceso in campo per un infortunio che lo costringe a stare lontano dai campi di gioco. Dovrà sostenere un intervento chirurgico e poi tornare nel rettangolo verde. Ieri (venerdì), ha assistito alle gare e ha condiviso la gioia ed il divertimento di chi, come lui, è arrivato in Sardegna al termine di un viaggio drammatico. Intanto, l'assessore Spanu parteciperà ai lavori della conferenza sul tema dei flussi migratori, in programma a Bruxelles domani, lunedì 23 aprile, per iniziativa del Comitato delle Regioni. L’incontro si svolgerà, con inizio alle 14, nella sede del Comitato, in rue Belliard. Spanu si soffermerà sui progetti di inclusione promossi ed attuati dalla Regione. “Sarà – ha concluso l’esponente della Giunta Pigliaru – un utile momento di scambio di esperienze con i rappresentanti di altre regioni europee per individuare buone pratiche che possano essere proficuamente realizzate in contesti differenti”.

Nella foto: un momento della giornata
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas