Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariPoliticaSport › Il Mipaaf riabilita gli ippodromi sardi
Red 22 aprile 2018
Mercoledì mattina, il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali ha firmato il decreto ponte. «Il risultato è frutto del gioco di squadra. Ora avanti insieme», dichiara l´assessore regionale dell´Agricoltura Pier Luigi Caria
Il Mipaaf riabilita gli ippodromi sardi


CHILIVANI - Il decreto ponte che riabilita i tre ippodromi sardi di Chilivani, Sassari e Villacidro, declassati a gennaio dal Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, è stato firmato mercoledì mattina a Roma. Il provvedimento consentirà il regolare svolgimento delle attività previste per l’anno in corso e già da oggi (domenica), nell’ippodromo di Chilivani, si potranno tenere gli appuntamenti in calendario. L’intervento predisposto tre mesi fa dal Mipaaf aveva declassato undici ippodromi dei ventinove presenti su tutto il territorio nazionale adducendo fra le motivazioni quella del basso giro di scommesse che questi centri riuscivano a realizzare a ogni stagione. Inoltre, l’atto di gennaio comportava il taglio dei finanziamenti provenienti da Roma determinando di conseguenza la quasi certa chiusura degli ippodromi.

«Si tratta di una buona notizia, tanto attesa dopo queste lunghe settimane di interlocuzioni costanti con il Ministero», ha dichiarato l’assessore regionale dell’Agricoltura Pier Luigi Caria, nel commentare la firma del decreto. «Ci siamo attivati da subito per difendere i nostri tre ippodromi sardi – ha proseguito Caria – spiegando che l’insularità e la poca popolazione della Sardegna erano elementi che non permettevano ai nostri centri di poter concorrere alla pari con gli altri ippodromi nazionali. Abbiamo chiesto e richiesto al Ministero di rivedere la norma e il risultato di oggi, di fatto una sospensiva fino al prossimo 31 dicembre, è un primo passo che ci impone di continuare il confronto con il prossimo inquilino del Mipaaf con cui dobbiamo arrivare a una revisione dei parametri di valutazione. Come Esecutivo, stiamo investendo risorse importanti sul mondo del cavallo, sostenendo rassegne e appuntamenti anche internazionali, gare, ristrutturazioni degli impianti e soprattutto rilanciando l’allevamento del cavallo di razza anglo-araba. Grazie a questi interventi, già da qualche anno, si respira in Sardegna un’aria diversa, più rivolta verso il rilancio del comparto. Come Regione continuiamo a fare tutto il possibile per tutelare un settore che può produrre economie importanti in diversi territori dell’Isola. Il traguardo di oggi – ha concluso l’esponente della Giunta Pigliaru – è frutto di un lavoro di squadra costruito con la preziosa e determinante collaborazione dell’Agenzia Agris Sardegna, degli ippodromi e di alcuni amministratori locali a cui va tutto il mio ringraziamento».

«Il decreto di riammissione in ruolo firmato oggi arriva anche a seguito del nostro progetto di rilancio inviato al Ministero. Ci auguriamo tuttavia che il Tar accolga il ricorso e bocci tutto il decreto Castiglione che, con il parametro di valutazione basato sulle scommesse, ci ha messo in questa brutta situazione». Lo ha detto il presidente del Consiglio di amministrazione dell’ippodromo di Chilivani Nicola Fois, che ha aggiunto: «Ci auguriamo inoltre che al Ministero tengano conto delle specificità dell’allevamento sardo, della sua lunga tradizione e che valorizzino aspetti in cui, per esempio qui a Chilivani, siamo ai vertici nazionali come cavalli partenti. Da oggi più che mai – ha concluso Fois – saremo sempre in contatto con le Istituzioni regionali e locali per cercare di tutelare gli interessi di un mondo che sta ripartendo e che per la Sardegna vuol dire tanto in termini di occupazione e lavoro».
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas