Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Isolani, mai più isolati: manifestazione negli scali sardi
Red 27 aprile 2018
Domani, in occasione de “Sa die de sa Sardigna”, si terrà una grande manifestazione in tutti i porti e gli aeroporti sardi sull’insularità, a cui parteciperà una delegazione degli emigrati, mobilitati su tutto il territorio nazionale a sostegno dell’introduzione del principio di insularità in costituzione. Ad Alghero, appuntamento alle 10
Isolani, mai più isolati: manifestazione negli scali sardi


ALGHERO - Isolani ma mai pù isolati. Domani, sabato 28 aprile, in occasione de “Sa die de sa Sardigna”, si terrà una grande manifestazione in tutti gli scali (porti ed aeroporti) sardi sull’insularità, a cui parteciperà una delegazione degli emigrati, mobilitati su tutto il territorio nazionale a sostegno dell’introduzione del principio di insularità in costituzione.

Alle 10, incontri davanti agli aeroporti di Alghero Riviera del corallo ed Olbia Costa smeralda, ed alla stazione marittima di Porto Torres. Alle 10.30, nella zona partenze (vicino alla cappella) dell'aeroporto di Cagliari Elmas (alla presenza di esponenti della Fasi) ed al porto di Oristano. Alle 11.30, aeroporto di Fenosu. Poi, alle 15.30, a Cagliari, all'ingresso del palazzo del Consiglio regionale, verrà allestito un tavolino, ed un incontro con gli emigrati Fasi. Infine, alle 16, appuntamento al porto di Arbatax.

«Per quanto quello della continuità territoriale sia solo uno degli aspetti del grande tema del grave e permanete svantaggio derivante dall’insularità, è evidente che si tratta di quello maggiormente significativo. Con la manifestazione di domani – dichiara il consigliere regionale Riformatori sardi Michele Cossa - si vuole dire basta a un sistema di collegamenti che non garantisce la certezza del trasporto.

Ad ogni scadenza della gara per la Continuità territoriale, la Sardegna si vede costretta a infiniti bracci di ferro con lo Stato e l’Unione europea. La Sardegna non vuole interventi spot, ne essere costretta ad elemosinare posti in più nei periodi di maggiore congestione. La continuità area è un diritto sacrosanto che non ammette deroghe non una concessione data volta per volta. Vogliamo che sia un diritto sancito in Costituzione e quindi e garantito ai sardi esattamente al pari degli altri italiani. Non di più, ma neanche di meno», conclude Cossa.
Commenti
15/10/2018
Un Continente federale, dei diritti civili e sociali è il fulcro della campagna lanciata dopo il convegno che si è svolto martedì nelle sale della Camera di commercio di Sassari
© 2000-2018 Mediatica sas