Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCulturaLibri › Artisti sardi e Orientalismo sbarcano a Padova
Red 7 maggio 2018
Venerdì 11 maggio, alle 17, nelle sale di Palazzo Cavalli, Giuliana Tomasella e Caterina Virdis introdurranno la presentazione del libro “Altri esorismi”, di Maria Paola Dettori
Artisti sardi e Orientalismo sbarcano a Padova


SASSARI - Venerdì 11 maggio, alle 17, nelle sale di Palazzo Cavalli, a Padova, Giuliana Tomasella e Caterina Virdis introdurranno la presentazione del libro “Altri esorismi. Artisti sardi e Orientalismo”, di Maria Paola Dettori. Nel 1910, due artisti sassaresi, il celebre Giuseppe Biasi ed il meno noto Mario Mossa Demurtas, percorrono la Sardegna dell’interno in cerca di emozioni esotiche. Per gente di città come loro, l’incontro con gli ambienti più chiusi nelle loro tradizioni folkloriche era un tuffo nell’altrove, in un territorio di sogno: le donne avvolte nei loro broccati e nei loro veli, ornate di gioielli rilucenti, gli parvero sacerdotesse di riti misteriosi in tempi indecifrabili.

Quando arrivarono a Teulada, piccolo centro situato quasi sulla punta sud occidentale dell’Isola, dunque molto vicino all’Africa, il paese apparve a Biasi una presenza femminile «tutta d’oro e di rosa, come un’odalisca sdraiata pigramente». I due artisti avevano scoperto quello che Maria Paola Dettori chiama l’esotismo “della porta accanto”, la “colonia dietro l'angolo”, testa di ponte verso mondi sconosciuti. Del resto. fin dalla fine dell’Ottocento, la Sardegna, come la Corsica e le Baleari, faceva parte de “Les îles oubliées”, titolo di un libro di Gaston Vuillier, stampato nel 1893, in cui figurava come un “altrove semibarbaro” di facile accesso per molti viaggiatori contemporanei all’autore. Dagli Anni Venti, questo precoce interesse per l’esotismo, non disgiunto dal fascino di un erotismo sempre presente nei rapporti con popolazioni altre, si rafforza negli artisti sardi di quella generazione con la decisione di lasciare la loro Isola per trasferirsi in Africa. Gli artisti incontrano l'abbacinante intensità della luce, le carovane di cammellieri nel deserto, le nudità lascive dell'harem, le moschee ed i bazar animati.

Si può dire che quasi tutti i grandi maestri isolani si siano cimentati nell’evocazione dell’ambiente africano, anche perché molti di loro sono stati realmente oltremare: Giuseppe Biasi, Melkiorre Melis, Cesare Cabras e Bernardino Palazzi. Basato su una ricca documentazione, per gran parte inedita, il libro parte dal delicato passaggio tra i due secoli, illustrato dai documenti dell’archivio dell’Istituto italiano per l’Africa e l’Oriente, dalle immagini del Benadir appartenute al sassarese Giacomo Agnesa, da considerare come il primo ministro delle Colonie nella storia d'Italia, e le fotografie di Italo Balbo a Tripoli. Ma soprattutto, fa parlare l’incanto di dipinti, sculture, ceramiche, che per decenni riportarono in Sardegna le suggestioni di terre lontane. L’evento è promosso dalla Federazione associazioni sarde in Italia e dal Circolo dei sardi Eleonora d'Arborea di Padova, in collaborazione con l'Università degli studi di Padova e con il Centro di ateneo per i musei.

Nella foto: un particolare di un'opera di Cesare Cabras
Commenti
22/5/2018
"Alghero. Persone, Storie, Speranze", primo volume della collana "Quadrerni di analisi, progetto e innovazione" pubblicati da Cyrano Libri in collaborazione con la Panoramika Editrice. Domenica la presentazione
28/4/2018
Questa sera alle 18.30 presso la libreria Koinè di Porto Torres in C.so Vittorio Emanuele 40, uno dei migliori scrittore italiani contemporanei, Giuseppe Catozzella presenta il suo nuovo libro "E tu splendi" edito da Feltrinelli
© 2000-2018 Mediatica sas