Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaManifestazioni › Trenta siti per Monumenti aperti Porto Torres-Asinara
Mariangela Pala 8 maggio 2018
Trenta monumenti illustrati ai visitatori dagli oltre mille studenti volontari, con tre novità nel territorio cittadino e cinque all’Asinara, dove per la prima volta nell’ambito di “Porto Torres Asinara Monumenti Aperti” saranno fruibili i siti del borgo di Cala d’Oliva
Trenta siti per Monumenti aperti Porto Torres-Asinara


PORTO TORRES - Trenta monumenti illustrati ai visitatori dagli oltre mille studenti volontari, con tre novità nel territorio cittadino e cinque all’Asinara, dove per la prima volta nell’ambito di “Porto Torres Asinara Monumenti Aperti” saranno fruibili i siti del borgo di Cala d’Oliva. Sono alcune delle novità presentate questa mattina durante la conferenza stampa che si è svolta nell’Istituto d’istruzione superiore “Mario Paglietti” - tecnico TTL, sede di uno dei siti visitabili il 12 e il 13 maggio.

È l’edizione numero ventidue di Monumenti Aperti. Il Comune di Porto Torres partecipa per l’ottavo anno consecutivo. L’evento ideato dall’associazione Imago Mundi è organizzato localmente dall’amministrazione comunale. I siti cittadini saranno visitabili nel corso delle due giornate, quelli dell’Asinara nella sola giornata di domenica 13 maggio.

«Questa manifestazione ha come primo obiettivo la formazione dei ragazzi e contribuisce a far crescere la consapevolezza dei cittadini verso il grande patrimonio culturale di Porto Torres. Per l’Amministrazione comunale – sottolinea l’Assessora alla Cultura, Alessandra Vetrano - non sarebbe possibile portare avanti l’iniziativa senza la sinergia con gli altri enti, come il Parco dell’Asinara, il Corpo Forestale, la Conservatoria delle Coste. Decisivo il ruolo delle scuole, delle associazioni, dei volontari e degli operatori culturali, così come quello del Polo museale della Sardegna e del Distaccamento di Porto Torres della Soprintendenza per i beni archeologici di Sassari». Sull’isola parco il Percorso della legalità, pensato per raccontare, attraverso la visita dei monumenti, la battaglia contro la criminalità organizzata e per ricordare le vittime che questa lotta ha causato.

Un itinerario che partendo dall’Osservatorio della Memoria, arriva al carcere bunker e alla caserma “Falcone e Borsellino”, per toccare il caseificio di Cala d’Oliva e la chiesa dell’Immacolata Concezione situata nel piccolo borgo. Nuovi siti saranno aperti anche in città: il Rifugio antiaereo di via Foscolo, la Necropoli ipogeica della Marinella e la Necropoli preistorica di Li Lioni. «Metteremo a disposizione anche due servizi turistici completamente gratuiti – aggiunge l’assessore - il bus scoperto, con guida a bordo, che farà il tour dei siti cittadini, e un servizio di bus navetta, sempre con un accompagnatore a bordo, per le necropoli di Li Lioni e Su Crucifissu Mannu». Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, nel cui calendario Monumenti Aperti è inserita, la decisione di scegliere come tema Cultura - Patrimonio Comune è motivata dal considerare il patrimonio artistico come memoria e valorizzazione della diversità.

Per questo si è deciso di segnalare per ogni Comune un sito che sia testimonianza del passato, ma con uno sguardo proiettato verso il futuro. In linea con questo tema, si è scelto di individuare simbolicamente per Porto Torres il Palazzo del Marchese – Museo Andrea Parodi, costruito nella prima metà dell’Ottocento e oggi sede del Museo Andrea Parodi, dedicato all’artista turritano prematuramente scomparso nel 2006.
16/8/2018 video
Tutti col naso all’insù in Riviera del Corallo, presa d'assalto da turisti e visitatori per lo spettacolo pirotecnico che non ha deluso le aspettative. Una delle performance più spettacolari di sempre quella andata in scena, come da tradizione, dal porto turistico. Bastioni gremiti di gente per assistere ai fuochi. Al termine applausi e trombe di barca in segno di apprezzamento con l’organizzazione. Le immagini sul Quotidiano di Alghero. La foto di copertina è di Marco Fiore.
© 2000-2018 Mediatica sas