Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSpettacoloConcerti › Cala il sipario sui Fiati del Conservatorio
Red 10 maggio 2018
Questa sera, sul palco dell´Auditorium di Piazza Porrino, è in programma un grande concerto di chiusura della rassegna a cura dell´Orchestra di fiati del Conservatorio di Cagliari
Cala il sipario sui Fiati del Conservatorio


CAGLIARI - Con un grande concerto dell’Orchestra di fiati del Conservatorio di Cagliari, oggi (giovedì), si chiude il sipario sulla rassegna “Fiati, il respiro della musica”. Quest’ultimo appuntamento della manifestazione, curata dal Dipartimento fiati, si aprirà alle 18, nell’Auditorium di Piazza Porrino e vedrà l’orchestra diretta da Luigi Muscio e Carlo Serra.

Il programma della serata proporrà musiche di Verdi, Bizet, Navarro, Rachel, Holst e Piazzolla. Fiati, il respiro della musica è una rassegna pensata accendere l’attenzione sul settore degli strumenti a fiato ripescando a piene mani da un repertorio che abbraccia tutta la storia della musica, dal barocco all’ottetto a fiato di Stravinsky.

Protagonisti del ciclo di concerti sono soprattutto i migliori studenti del Dipartimento fiati che, affiancati dai loro insegnanti, in un ideale spirito di condivisione, hanno la possibilità di vivere un’esperienza professionalizzante e di esprimersi nei più rappresentativi organici di strumenti a fiato. L’ingresso è libero e gratuito. Per ulteriori informazioni, si può contattare il referente del progetto Egidio Fabi, telefonando al numero 070/493118.
Commenti
19:18
L’ensemble Lilac for People della cantante e compositrice Francesca Gaza si aggiudica il concorso per giovani band JazzAlguer Mediterrani. E´ un ensemble di otto elementi provenienti da diverse regioni che affonda le sue radici nel jazz, ma si nutre di suggestioni del pop e dell´elettronica dando forma a un originale "chamber jazz-pop"
20/5/2018
Riconoscimento speciale a Jazzalguer, il contest internazionale al quale partecipano con il loro primo brano, per il forte carico emozionale che la band è capace di trasmettere e per la valenza sociale del progetto Jaama Dambé
© 2000-2018 Mediatica sas