Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaManifestazioni › Monumenti aperti: rinviata apertura dei siti all´Asinara
M.P. 11 maggio 2018
Saranno, invece regolarmente visitabili, sabato 12 e domenica 13 maggio, i monumenti in città. La decisione a seguito delle probabili forti raffiche di maestrale previste per il weekend
Monumenti aperti: rinviata apertura dei siti all´Asinara


PORTO TORRES - È stata rinviata l'apertura dei siti dell'Asinara inseriti nell'edizione di “Porto Torres Asinara Monumenti Aperti”. In considerazione delle probabili condizioni meteomarine avverse previste nel pomeriggio di domenica 13 maggio, con possibili forti raffiche di maestrale, l'amministrazione comunale, anche in accordo con le scuole che hanno adottato i monumenti, per garantire la sicurezza degli studenti e dei volontari ha stabilito di rinviare l'apertura dei cinque siti dell'isola a domenica 27 maggio.

Rimane invariato, invece, il programma nel territorio cittadino di Porto Torres. Saranno venticinque, infatti, i monumenti visitabili il 12 e il 13 maggio, in occasione della manifestazione ideata a livello regionale e nazionale da Imago Mundi e organizzata a livello locale dal Comune di Porto Torres in collaborazione con enti, scuole, operatori culturali e volontari. Tre le novità di quest'anno: il Rifugio antiaereo di via Foscolo, la Necropoli ipogeica della Marinella e la Necropoli preistorica di Li Lioni. Gli ulteriori monumenti visitabili sono: Basilica romanica e cripta di San Gavino, Atrii Metropoli e Comita, Cumbessias ed edifici annessi; le Chiese di Balai Vicino e di Balai Lontano; le aree archeologiche Palazzo di Re Barbaro e Domus di Orfeo, Terme Maetzke, Domus dei Mosaici, Terme Pallottino; Ponte Romano; Museo archeologico nazionale Antiquarium Turritano.

Ci sono anche le tombe ad arcosolio del Nautico; Ipogeo di Tanca Borgona; Chiesa di Cristo Risorto; Necropoli di Su Crucifissu Mannu; Museo del Porto; Chiesa della B.V. della Consolata; Scuola elementare De Amicis; Rifugio antiaereo De Amicis; Necropoli di via Libio; Planetario, area museale e simulatore della navigazione. Un patrimonio ricchissimo che mette in vetrina le emergenze archeologiche di Porto Torres, insieme alle chiese, i palazzi storici, i musei e le mostre. La manifestazione si aprirà ufficialmente sabato 12, a Balai Vicino, con l’ensemble vocale e strumentale delle classi quinte del plesso di Borgona che eseguiranno brani sacri e balli folkloristici.

Bus turistico scoperto. Sarà attivo un servizio gratuito di trasporto nei siti cittadini con il bus turistico “Oreste” dell'Atp. Questi gli orari: sabato 12 maggio partenze alle 16.30, 17.30 e 18.30; domenica 13 maggio partenze alle 11, 12, 16.30, 17.30 e 18.30. La partenza è prevista dalla Basilica di San Gavino.

Bus navetta per i siti in città. Per la Necropoli preistorica di Li Lioni e per la Necropoli di Su Crucifissu Mannu è previsto, inoltre, un servizio aggiuntivo di trasporto gratuito su bus Atp. Il servizio sarà attivo sabato 12 maggio, con partenze alle 16.30 e alle 18; domenica 13 maggio, con partenze alle 11.30, alle 16.30 e alle 18. Il tour prevede il servizio di trasporto nei siti e la sosta fino al termine della visita per attendere i partecipanti. La partenza è da Largo Sabelli.

Eventi speciali. Ben diciassette le iniziative speciali organizzate nel corso della due giorni, curate da scuole e associazioni locali, in particolare, concerti, esposizioni e momenti di degustazione nei vari siti.La manifestazione si aprirà ufficialmente sabato 12, alle ore 16, a Balai Vicino, con l’ensemble vocale e strumentale delle classi quinte del plesso di Borgona che eseguiranno brani sacri e balli folkloristici. Saranno 13 gli appuntamenti che vedranno come protagoniste le scuole e le associazioni cittadine.
8:00
Sessantanovesima Cavalcata Sarda, Gianfranco Ganau (Pd): «Una straordinaria sfilata di colori, mette in luce la complessità e la varietà delle nostre tradizioni»
20/5/2018
«La manifestazione mette in evidenza la ricchezza della cultura della Sardegna, della sua tradizione e di una coesione tra territori differenti fra loro». Così L´assessora regionale della Difesa dell´ambiente, Donatella Spano, oggi a Sassari
© 2000-2018 Mediatica sas