Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaUrbanistica › Stintino: un porto che collega paese e mare
M.P. 28 maggio 2018
Presentati i progetti che hanno partecipato al concorso di idee per la riqualificazione dell´area portuale
Stintino: un porto che collega paese e mare


STINTINO - Un progetto che guarda all'utilizzo degli spazi, che crea un percorso di collegamento con i tre porti del paese, presta un occhio di riguardo al sistema dell'accessibilità e dà vita al lungomare, amplia la passeggiata sino ad arrivare al mare con una serie di terrazze e gradinate. È l'elaborato che si è aggiudicato il concorso di idee indetto dal Comune di Stintino, per l’acquisizione di proposte relative alla realizzazione dei lavori di riqualificazione del porto del paese e della ridefinizione del water-front del borgo storico.

Sabato mattina il museo della Tonnara di Stintino ha ospitato la presentazione delle prime tre idee progettuali che, insieme ad altre tredici, hanno partecipato al bando. In realtà, al concorso bandito a dicembre dall'amministrazione comunale hanno risposto in venti ma la commissione ne ha valutato ammissibili soltanto 16. E tutte sino a oggi, domenica 27 maggio, riprodotti in pannelli espositivi saranno in mostra sulla terrazza del museo di via Lepanto.

«Avevamo la necessità di mettere assieme una serie di progetti sull'area – ha detto l'assessore ai Lavori pubblici Antonella Mariani durante la presentazione – e l'obiettivo era dare una visione univoca e disegnare un nuovo water-front. Questo anche in considerazione delle esigenze che con il tempo si sono create. «Il porto deve diventare l'elemento di congiunzione tra paese e mare, tra residenti e turisti, tra abitanti e fruitori, il naturale collegamento tra Stintino e l'Asinara», ha concluso.

I progetti selezionati – hanno spiegato l'ingegnere Giuseppe Mundula, responsabile del Servizio tecnico 2 del Comune di Stintino e presidente della commissione giudicatrice, e l'architetto Paolo Greco, responsabile del Servizio tecnico 1 e curatore del concorso – hanno risposto all'idea concettuale del bando, riorganizzare cioè gli spazi e le funzioni con ricadute anche sul centro storico. Il risultato sono state idee, brillanti e a volte anche audaci, che hanno riguardato il waterfront del centro storico cittadino rivolto a Est, con soluzioni per l’organizzazione e la riqualificazione dell’area portuale, intesa come insieme organico dell’infrastruttura portuale e del borgo.

«Si tratta di elaborati che portano un contributo importante – ha aggiunto l'assessore all'Urbanistica Francesca Demontis – e ci aiuteranno a portare avanti il progetto generale di valorizzazione dell'intera zona». L'amministrazione, infatti, dispone già di un finanziamento di 1,5 milioni di euro per la riqualificazione dell'area e il progetto arrivato in prima posizione potrà costituire appunto il progetto di fattibilità tecnico economica. Punto di partenza per la progettazione definitiva ed esecutiva che potrà essere divisa in lotti.

Ad aggiudicarsi il primo posto è stata la proposta presentata dall'architetto Simone Langiu, capogruppo di un team multidisciplinare che vede all'interno anche la società Criteria di Cagliari. Un progetto che, nell'area del woter-front, prevede una serie di rampe che consentono l'accesso al molo, quindi un nuovo sistema di servizi e un maggior numero di parcheggi, più ordinati, alla Marina di Stintino. Si aggiunge un nuovo molo traghetti per l'Asinara nell'area del faro che diventa un luogo di servizi e di incontro per i cittadini. Sulla spiaggetta Azzena sorge una sorta di tribuna-scalinata, centro di incontro anche in inverno. Quindi il ponte mobile per l'accesso al Porto Mannu e importante collegamento con l'area di Tanca Manna.

Al secondo posto si è classificata l'idea dell'architetto Massimo Alvisi, in qualità di legale rappresentante della Alvisi Kirimoto Partners srl e capogruppo dei una squadra di professionisti e della Milan Ingegneria srl di Milano. Al terzo posto il progetto dell'ingegnere Gabriele Tomiselli capofila di un numerosissimo gruppo multidisciplinare. Al primo classificato sarà conferito il premio di 20mila euro, al secondo di 2.500 euro, al terzo di 1.200 euro. Premi in denaro anche per il quarto e quinto in classifica (800 e 500 euro rispettivamente) e menzioni per i progetti classificati al sesto e settimo posto.

Nella maggior parte dei progetti, in misura che talvolta ha fatto la differenza, si rafforzano le relazioni tra porto e centro storico. La creazione di passerelle e di percorsi verso il centro del paese sono stati usati per rappresentare questo legame. Spicca, in modo particolare, il ponte mobile che collega il paese con l'area portuale di Marina di Stintino. Una struttura che alcuni mettono in posizione più avanzata e altri più arretrata nella zona del porto Mannu. Un percorso che è assieme pedonale e ciclabile, nell'ottica di un progetto che vede Stintino al centro della mobilità sostenibile.
24/6/2018
Dalla prossima settimana, sarà operativo un tavolo tecnico con la Regione autonoma della Sardegna, l´Anas e le Amministrazioni locali, per il monitoraggio delle attività
© 2000-2018 Mediatica sas