Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmbiente › Piras: «caos rifiuti? La responsabilità è politica»
M.P. 6 giugno 2018
Per il consigliere della minoranza la responsabilità del non adeguato servizio, «fino ad ora è politica, unicamente politica. Il capitolato, come ribadito in commissione, è un signor capitolato, che manca solo del controllo della regolare esecuzione
Piras: «caos rifiuti? La responsabilità è politica»


PORTO TORRES - «Finalmente, dopo due anni dalla mia richiesta, l’azienda della raccolta dei rifiuti è venuta a confrontarsi in commissione Ambiente con i rappresentanti di quei tanti cittadini scontenti che pagano per un servizio non ottimale. Certamente, se si fossero fatti questi incontri per tempo, non saremo in questa situazione». Il consigliere comunale Claudio Piras dopo diverse sollecitazioni ha accolto con favore il confronto con i due rappresentanti dell'azienda Ambiente 2.0, il procuratore speciale Gianfranco Virdis e il direttore del servizio Andrea Milo.

«E interessante apprendere che, la maggioranza è finalmente d’accordo con ciò che la minoranza diceva da 2 anni, - sottolinea Piras - passando quest’ultimi per detrattori e personaggi in perenne campagna elettorale. Dopo due anni di incuranza, si cerca di dare le colpe in sequenza a: cittadini, azienda e struttura, dimenticando però il ruolo di controllo che la parte politica deve avere e, mancando questo, si decreta il fallimento dell’azione politica stessa». Per il consigliere della minoranza la responsabilità del non adeguato servizio, «fino ad ora è politica, unicamente politica. Il capitolato, come ribadito in commissione, è un signor capitolato, che manca solo del controllo della regolare esecuzione. Il sindaco disse che lui stesso avesse inciso nelle modifiche del capitolato, a maggior ragione questo deve essere giudicato ottimo da questa amministrazione.»

Non basta dunque il superamento delle isole ecologiche, non contestate dal consigliere se non nella modalità di gestione, ma ai disagi dei cittadini si uniscono quelli di commercianti e imprenditori, costretti a fare i conti con montagne di rifiuti che si accumulano, provocano cattivi odori e attirano gli animali. A questo caos si aggiunge l’inciviltà di molte persone, che abbandonano i propri rifiuti ovunque, per strada, negli angoli o ai piedi dei cassonetti delle isole ecologiche. Comportamento, questo, che dovrebbe essere contrastato dall’amministrazione con maggiori controlli e sanzioni.

«E’ ora di dire basta alla caccia alle streghe, contro i cittadini definiti fotografi seriali o in passato anche terroristi, o ai consiglieri che secondo la maggioranza cercano solo consensi con queste segnalazioni», puntualizza il consigliere Piras. «Spero che la commissione di oggi, convocata dal presidente Andrea Falchi, tra l’altro molto costruttiva, - aggiunge Piras - sia un buon auspicio per una leale collaborazione tra le forze politiche, azienda e struttura, per mettere al centro dell’interesse il bene del cittadino. Sono tanti i punti da toccare per adeguare il servizio ai molteplici cambiamenti di questa città, che piano piano sta indirizzandosi verso un’economia turistica ed a maggior ragione la raccolta dei rifiuti dovrà essere adeguata».

Ci sono ancora altri punti dolenti da esaminare nell'agenda del consigliere,« tra questi i più importanti di cui vorrei parlare ci sono l’Asinara, le aree mercatali per le quale feci già una proposta, l’Ecocentro, i servizi di pulizia delle strade, adeguarli come numero e come zona, sempre per migliorare il servizio. Purtroppo uno dei peggiori difetti di questa amministrazione è il non ammettere di aver sbagliato o mal gestito diverse scelte».
15:03
Prosegue l´iter che da gennaio 2019 porterà alla bonifica dei siti di stoccaggio temporaneo realizzati dal 2007 ad Alghero, ad iniziare proprio da quello ubicato a San Giovanni
10/12/2018
Addobbi natalizi pericolosi dal giorno dell’8 dicembre fanno mostra di sé nelle palme posizionate nelle due aiuole di piazza Umberto I davanti al palazzo comunale. Alimentati da un impianto elettrico non protetto
10/12/2018
“Say no to plastic pollution” è la giornata di educazione ambientale che il Comune di Stintino, in collaborazione con il Parco dell´Asinara e l´Area marina protetta dell´isola, organizza per mercoledì 12 dicembre
© 2000-2018 Mediatica sas