Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCronacaAmbiente › Fiume Santo, demolizione: la caldaia non crolla
M.P. 11 giugno 2018
Dovevano cadere una dietro l’altra le caldaie dei vecchi gruppi 1 e 2 della centrale di Fiume Santo, invece al momento dell’esplosione davanti agli occhi delle autorità e degli esperti la struttura in ferro e acciaio reticolare del gruppo 2, è rimasta al suo posto
Fiume Santo, demolizione: la caldaia non crolla


SASSARI - Dovevano cadere una dietro l’altra le caldaie dei vecchi gruppi 1 e 2 della centrale di Fiume Santo, invece al momento dell’esplosione davanti agli occhi delle autorità e degli esperti la struttura in ferro e acciaio reticolare, la caldaia del gruppo 2, è rimasta al suo posto. La carica non ha sortito alcun effetto, se non di spostare di poco l’assetto della struttura.

Alle 19.17 dopo il botto l’impianto ha fatto solo una breve oscillazione. L’esplosione è stata fragorosa, la nube di fumo intensa. Ma niente di più. La struttura alta 40 metri di altezza si è continuata a stagliare all'orizzonte. Forse un po' indebolita ma ancora in piedi. Nelle prossime ore si deciderà la società del gruppo Ep Produzione valuterà un secondo intervento di demolizione.
20/10/2018
Cra, rifiuti, politica, migranti, tasse, turismo, adesso Ryanair. Nessun settore si salva più. Anche Alghero impara a convivere all'era dei social e della comunicazione da tastiera. Alcuni hanno parlato in passato di aumenti Tari, servizio nettezza urbana disastroso e città sporca. Polemiche sbalorditive: il decoro della città dovrebbe essere un obiettivo comune che dovrebbe unire le forze non dividerle. Anche perchè tutti ricordano l´escalation vissuta dalla città. Poi c'è il caso Ryanair che insegna.
20/10/2018
Decolla la raccolta rifiuti. L´Assessora all´Ambiente: «Percentuali rilevanti, fra le più alte nel territorio»
© 2000-2018 Mediatica sas