Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCronacaCronacaFurto d´acqua a Golfo Aranci
Red 6 luglio 2018
Decreto penale del Tribunale di Tempio Pausania dopo la denuncia ai Carabinieri per allaccio abusivo dell’attività: ristoratore ed idraulico condannati al pagamento di sanzioni per quasi 40mila euro
Furto d´acqua a Golfo Aranci


GOLFO ARANCI - Avevano manomesso i sigilli dell’allaccio di un ristorante a Golfo Aranci ed installato un contatore falso: titolare e adraulico dovranno ora pagare una sanzione ciascuno di quasi 20mila euro. E’ quanto ha stabilito nei giorni scorsi il Tribunale di Tempio Pausania, con un decreto penale di condanna ai sensi dell’articolo 459 del Codice di procedura penale. Le pesanti multe sono state determinate come pena pecuniaria in conversione di quella detentiva.

Quando il servizio ispettivo di Abbanoa, nelle ordinarie verifiche sulla regolarità degli allacci, trovò l’allaccio manomesso, venne immediatamente presentata una denuncia. Successivamente, scattarono le verifiche congiunte con i Carabinieri della locale Stazione, che confermarono la presenza dell’allaccio abusivo e presentarono la relazione in Procura. Quella del contatore falso è un escamotage che solitamente veniva effettuato quando le letture dei consumi erano eseguite su carta e quindi non si poteva riscontrare immediatamente la manomissione dell’allaccio. Ora, invece, i tecnici di Abbanoa sono dotati di palmari elettronici, con i quali possono controllare in tempo reale i dati dei contatori e le coordinate georeferenziate dell’allaccio.

«Manomettevano i sigilli dell’utenza idrica del locale, effettuando un allaccio abusivo alla rete idrica, con posizionamento di un contatore non a ruolo che permetteva la fornitura d’acqua». Così il giudice riassume nel decreto penale di condanna i fatti avvenuti, «con l’aggravante di avere usato violenza sulle cose, consistita nella manomissione dei sigilli e posizionamento di un contatore non a ruolo e contestuale collegamento alla rete idrica». Il reato imputato è di furto d’acqua aggravato, perché si tratta di un bene pubblico come l’acqua. Per questi motivi, il giudice ha stabilito la condotta dei due imputati «in ordine ai reati di cui all’impugnazione alla pena di 18.850euro di multa ciascuno».
15:46
Prosegue la lotta alle manomissioni di contatori di energia elettrica e della rete idrica, da parte dei Carabinieri del Comando provinciale di Nuoro, che ogni giorno sono impiegati in un capillare controllo del territorio per garantire il rispetto della legge ed al contrasto dei reati comuni
13:53
Nel corso di mirati servizi di controllo, i Carabinieri della compagnia di Porto Torres hanno arrestato L.G., 31enne sassarese già con precedenti per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente
22/9/2018
I militari della locale Stazione durante un posto di controllo, hanno fermato un 50enne del posto, avendo mostrato evidenti segni di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanza alcoliche
22/9/2018
I Carabinieri della Stazione di Isili, nell’ambito delle indagini finalizzate al contrasto del fenomeno delle clonazioni delle carte di pagamento, hanno segnalato alla competente Autorità giudiziaria una donna di origini campane
22/9/2018
Nei giorni scorsi, gli agenti della locale Sottosezione Polfer, hanno eseguito un provvedimento dell’Autorità giudiziaria nei confronti di un 30enne che, dopo un controllo, è risultato destinatario dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora, per reati relativi agli stupefacenti
© 2000-2018 Mediatica sas