Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPoliticaPerle di Tedde contro Abbanoa
A.S. 9 luglio 2018
Nuova, pesante, reprimenda di Abbanoa all´indirizzo del consigliere regionale di Forza Italia ed ex sindaco di Alghero, che non perde occasione per criticare l´operato del gestore unico. Ma Ramazzotti & C. parlano di «perle»
Perle di Tedde contro Abbanoa


ALGHERO - «I finanziamenti per alcuni importanti impianti di potabilizzazione stazionano presso Abbanoa già dal 2004, 2005 e 2006 ma le opere non sono neppure iniziate. Truncu Reale a Sassari, Torpè, Bau Pressiu a Nuxis, Frunche Oche a Siniscola, Pattada. Località che attendono invano da oltre 15 anni la realizzazione di un nuovo impianto di potabilizzazione». Così l'algherese Marco Tedde (Fi)

Ribatte Abbanoa: «Il rappresentante nella massima Assise Sarda, il Consiglio regionale, dimostra nuovamente di non conoscere gli argomenti di cui parla, forse imbeccato da cattivi consiglieri, oppure di non saper leggere gli atti. Purtroppo, (per lui e per i cittadini) confonde date e dimostra la totale ignoranza sulla reale esistenza degli impianti che servono importanti zone della Sardegna».

Il Vice-capogruppo di Forza Italia illustra pubblicamente così la nuova interrogazione presentata nei giorni scorsi a Cagliari insieme al Gruppo consiliare, ma dai vertici del gestore idrico viene bollata come «l’ennesima “interrogazione” sconclusionata e inattendibile, nell’evidente speranza di ottenere un po’ di visibilità e rilievo mediatico. Il risultato è l’ennesimo caso di disinformazione e falsità». Insomma, tra l'ex sindaco di Alghero e Abbanoa volano accuse e colpi bassi, tanto che Ramazzotti e Murtas parlano addirittura di «perle» per i resoconti di Tedde.

Poi con estrema puntualità Abbanoa sottolinea come «nel 2003 Abbanoa non esisteva e quindi non avesse né cassa né finanziamenti da gestire» - in risposta all'accusa dell'algherese «è da 15 anni che Abbanoa ha in cassa finanziamenti per 98,6 milioni di euro» -. Stesso discorso per i casi di non potabilità, «sempre più frequenti» secondo Tedde. Ebbene - replica il gestore - la realtà certifica esattamente l’opposto anche nei territori a lui più prossimi: a Sassari, in due anni, la non potabilità è passata dal 58% di popolazione interessata al 9%; a Porto Torres da ormai tre anni che non si verificano fuori norma.

Infine l'ultima, pesante, reprimenda: «Truncu Reale a Sassari, Torpè, Bau Pressiu a Nuxis, Frunche Oche a Siniscola, Pattada: località che attendono invano da oltre 15 anni la realizzazione di un nuovo impianto di potabilizzazione» accusa Tedde. Ebbene, a Truncu Reale l’impianto esiste dal 1978 è la replica. «Abbanoa l’ha preso in carico nel 2010, quando aveva già più di trent’anni d’attività alle spalle e con evidenti limiti manutentivi mascherati per decenni».

«Grazie agli investimenti realizzati da Abbanoa sulle infrastrutture e sui processi di gestione, volti al potenziamento e pieno funzionamento, oggi l’impianto può contare su un nuovo chiariflocculatore per il trattamento dell’acqua e una nuova sezione fanghi a tutela dell’ambiente. Sono altrettanto già esistenti e operativi i potabilizzatori di Bau Pressiu a Nuxis che alimenta l’acquedotto del Sulcis, l’impianto di Fruncu e Oche a Siniscola al servizio anche dei Comuni limitrofi, il potabilizzatore di Pattada al servizio di diversi centri della provincia di Sassari» conclude la nota di Abbanoa.

Nella foto: Marco Tedde
18/9/2018
Manifestando la più totale contrarietà all´ipotesi di cambio di destinazione d´uso per qualsiasi altra soluzione del complesso di Viale della Resistenza, ricordiamo che si tratta di un edificio pubblico di oltre sessant´anni ed è opera dell´ingegno di uno dei tecnici sardi più illustri del Novecento la cui notorietà è andata oltre l’ambito regionale
19/9/2018
Sindaci a confronto: incontro ad Alghero. Si terrà lunedì 1 ottobre, al Teatro Civico, l´incontro pubblico tra i primi cittadini di Alghero, Cagliari, Nuoro e Pesaro moderato dal direttore de La Nuova Sardegna
© 2000-2018 Mediatica sas