Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloMusica › Alghero alla finale del Premio Anacapri Bruno Lauzi
Red 18 luglio 2018
E’ Andrea Brunotti, con il brano “Attimi” (per l’etichetta discografica algherese “La Stanza Nascosta records”), il sesto finalista del “Premio Anacapri Bruno Lauzi”
Alghero alla finale del Premio Anacapri Bruno Lauzi


ALGHERO - E’ Andrea Brunotti, con il brano “Attimi”, il sesto finalista del “Premio Anacapri Bruno Lauzi”, scelto dal pubblico attraverso un contest on-line, sulla pagina Facebook del premio. La serata di premiazione, condotta dal giornalista musicologo Marino Bartoletti e dall’attrice Francesca Ceci, si terrà giovedì 26 luglio, nella cornice di Piazza San Nicola ad Anacapri.

Il “Premio Anacapri Bruno Lauzi–Canzone d’autore”, quest’anno all'11esima edizione, è stato ideato dallo scrittore e giornalista Roberto Gianani e, negli anni, è divenuto una vera e propria vetrina di eccellenza nello scenario della canzone italiana d’autore. Visibilmente emozionato il cantautore lunigianese Brunotti, che commenta così l’accesso alla finale sul suo profilo Facebook: «“Attimi” è nata di notte, all’improvviso. Ha avuto la pazienza di rimanere nascosta per ben due anni... ricordo ancora il viaggio in autostrada e le parole scambiate al telefono con Emanuele Chirco… c’era da scegliere il vestito, le scarpe da mettere, il portamento e lui è stato un grande sarto, un grande maestro.(…)».

Non manca il riferimento alla Lunigiana, terra di origine del cantautore: «Al mio popolo, del quale vado orgoglioso, la “Lunigiana”, che mi ha sostenuto, mi sostiene e mi da il coraggio di continuare a camminare in questo sogno!». Andrea Brunotti ha all’attivo l’ep “Emigrato cosciente”, uscito il 9 ottobre 2017 per l’etichetta discografica algherese “La Stanza Nascosta records” del musicista cecinese Salvatore Papotto ed inserito dal prestigioso magazine musicale “Shiver” tra i migliori esordi dello scorso anno.

Nella foto: Andrea Brunotti
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas