Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaSanità › Laparoscopica all´avanguardia ad Alghero
Red 16 agosto 2018
Chirurgia urologica mini invasiva ad Alghero. Nella Struttura complessa di Urologia, diretta da Angelo Tedde, è stato realizzato con successo nei giorni scorsi all'ospedale Civile un intervento di cistectomia laparoscopica
Laparoscopica all´avanguardia ad Alghero


ALGHERO - E’ stato realizzato con successo nei giorni scorsi ad Alghero un intervento di cistectomia laparoscopica. L’intervento consiste nella asportazione della vescica e della prostata per tumore avanzato attraverso l’utilizzo di cinque fori nell’addome tramite i quali introdurre degli strumenti per l’operazione e di un piccolo taglio per evacuare gli organi asportati. L’intervento si conclude con una delicata fase di ricostruzione delle vie urinarie rimanenti per permettere un'ottimale qualità di vita.

«E’ sicuramente una conquista – dichiara il direttore della struttura complessa di Urologia di Alghero Angelo Tedde - alla quale guardavo da tempo, ma che consideravo irrealizzabile per difficoltà logistiche legate alla scarsa disponibilità delle sale operatorie ed alla situazione dei posti letto ad Alghero. Al momento attuale, la situazione è migliorata, grazie alle nuove scelte aziendali, permettendo finalmente un ulteriore avanzamento della offerta terapeutica. L’urologia è una delle branche chirurgiche dove maggiormente si percepisce la miniaturizzazione e l’utilizzo di tecnologie ad alta risoluzione, basti pensare che oltre il 50percento degli interventi viene eseguito per via endoscopica, cioè tramite l’introduzione di telecamere collegate a monitor. Ho sempre creduto nella preparazione e nelle opportunità, per cui ho spinto e fortemente voluto che i miei collaboratori, il dottor Saba in testa, frequentassero all’estero corsi di alta specializzazione in modo da avere una preparazione chirurgica pronta al cambiamento».

Nell’ospedale di Alghero, la chirurgia laparoscopica è una pratica consolidata da tempo, ma ultimamente ha raggiunto lo stato dell’arte con gli interventi sul colon da parte del direttore di Chirurgia Giorgio Norcia e della sua equipe. L’intervento è stato realizzato per la parte laparoscopica da Pietro Saba, aiutato da Paolo Soggia, da Tedde e dagli stessi medici, per la delicata fase ricostruttiva, supportati dalla grande competenza dei medici ed infermieri dell'equipe anestesiologica diretta da Tore Pala e forti dell'esperienza ventennale nella laparoscopia dell’equipe infermieristica delle sale operatorie dell’Ospedale Civile di Alghero, coordinate da Antonella Baldino.

«Da sempre - prosegue il dottor Tedde - ho considerato la mini invasività, sia in termini di chirurgia, che di gestione dell’ammalato, come l’obiettivo della buona pratica chirurgica, basti considerare il tipo di interventi eseguiti nel mio reparto ed i ridotti tempi di ospedalizzazione dei nostri pazienti. Fiore all’occhiello di questa “filosofia” è la brachiterapia per tumore prostatico dove il paziente, sottoposto ad intervento, in due soli giorni rientra in famiglia guarito. Sono ormai numerosi i pazienti urologici che, affetti da patologie tumorali, richiedono un intervento in laparoscopia, avendo appreso tramite internet le possibilità di convalescenza molto brevi. E’ per questo che credo che, visto l’ambiente professionale preparato e disponibile, anche il progetto della laparoscopia urologica ad Alghero continuerà a crescere per offrire al paziente quante più soluzioni terapeutiche possibili a basso impatto e mini invasive».

Nella foto: l'equipe medica di Angelo Tedde, che ha eseguito l'operazione
Commenti
20/9/2018
I partiti dell’opposizione in Consiglio regionale sono tutti d’accordo: la sanità è allo sfascio e per questo hanno presentato una mozione di sfiducia contro l’assessore regionale della Sanità, Luigi Arru
19/9/2018
Il Piano per l’abbattimento delle liste d’attesa, attuato nell´Unità operativa di Radiologia dell´ospedale Giovanni Paolo II, sta generando ottimi risultati. E´ stato possibile incrementare il numero delle prestazioni aggiuntive per gli esami radiodiagnostici ritenuti urgenti
© 2000-2018 Mediatica sas