Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroSpettacoloTeatro › A Siniscola è tempo di MattalacanArt
Red 1 settembre 2018
Al via l´edizione numero zero, con gli “incontri d´arte condivisi” firmati Teatro del segno ed InversaMente. Domani sera, doppio appuntamento con le letture animate di “Rodari... per tutto l´anno!”, con Marta Proietti Orzella e Stefano Ledda. A seguire, spazio all´eclettica cantante, compositrice, attrice e performer Rossella Faa in“Verso i 50 scatta scatta il leopardo”
A Siniscola è tempo di MattalacanArt


SINISCOLA - Si alza il sipario su “MattalacanArt”/incontri d'arte condivisi”, “numero zero” del nuovo progetto realizzato e diretto dal Teatro del segno e da InversaMente ed “abbracciato” dal decimo Festival Percorsi teatrali “Come un unicorno”, in programma domani, domenica 2, e lunedì 3 settembre, in un giardino in località Mattalacana, a Siniscola. L'idea di realizzare un festival en plein air nella dimensione intima e raccolta di un piccolo parco, riscoprendo lo spirito originale di una festa popolare che coinvolga tutta la comunità, si sposa all'intento di «mettere le ali all'unicorno (simbolo dei Percorsi teatrali 2018), rendendo la kermesse itinerante e incontrando altre realtà», come ricorda l'attore e regista Stefano Ledda.

MattalacanArt (titolo originale ed emblematico, che rimanda al nome del luogo, traducibile approssimativamente come “macchia di confine”, ad indicare una terra di confine ricoperta da vegetazione, nella forma della caratteristica macchia mediterranea ed all'intreccio delle arti e dei linguaggi della scena), con un cartellone che spazia fra teatro e musica, letteratura per ragazzi e storie metropolitane. A far da cornice ad eventi e spettacoli il giardino gentilmente messo a disposizione dei proprietari, tra cespugli di rose e piante ed arbusti tipici della macchia mediterranea: un prato come palcoscenico ed una platea composta da sedie, ma anche da semplici cuscini quando lo spettacolo lo richieda, specialmente nel caso di appuntamenti dedicati ai giovanissimi, e un'illuminazione affidata alla luce naturale prima del tramonto o con proiettori led per ridurre al minimo l'impatto ambientale in una dimensione di “arte ecosostenibile”.

A dare il la all'edizione “numero zero”, domani, alle 19, sarà “Rodari per tutto l'anno!”, della compagnia Teatro del segno, con Marta Proietti Orzella e Stefano Ledda: un coinvolgente “Viaggio tra le pagine di Gianni Rodari” per (ri)scoprire storie fantastiche, moderne favole e deliziose filastrocche tra letture e giochi a misura di bambini e famiglie. Un divertissement teatral-musicale, in cui i giovanissimi spettatori diventano protagonisti (chiamati a creare la colonna sonora dei meravigliosi racconti dell'autore della “Grammatica della fantasia”), nonché delle “Filastrocche per tutto l’anno” e delle “Filastrocche in cielo e in terra”, delle “Favole al telefono”, de “Il libro degli errori” e di “C’era due volte il Barone Lamberto”.

Riflettori puntati, alle 21.30, sull'istrionica cantante, compositrice, performer ed attrice Rossella Faa in “Verso i 50 scatta il leopardo”: una breve “riflessione teatral musicale in cui la figura della “Matrafa” assurge a moderna eroina”, con la pièce scritta ed interpretata dall'eclettica cantastorie di Masullas, che condurrà il pubblico tra suggestioni “metropolitane” e sorprendenti metamorfosi. Viaggio tra i labirinti della mente e del cuore (con la verve e l'ironia dell'artista originaria della Marmilla), per una performance, pensata non a caso per la Facoltà di Scienze della felicità dell'Università di Aristan, ideata da Filippo Martinez, che regala tra sapidi intrecci di parole e note momenti di leggerezza ed allegria.

Nella foto (di Alberto Ledda): Rossella Faa
Commenti
12/11/2018
“Azzardopatia–Scommettiamo su di te”, la lotta al gioco d’azzardo patologico va a teatro. L’associazione Crew porta in tour lo spettacolo “Xdente–Quando perdere (non) è un gioco”
© 2000-2018 Mediatica sas