Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSpettacoloCinema › Cinema made in Sardegna: successo per Peter Marcias
Red 5 settembre 2018
Il film di Peter Marcias, proiettato alla Villa degli autori, in occasione della Mostra di Venezia, prende spunto da una lectio magistralis che il regista iraniano Abbas Kiarostami tenne all’Università degli studi di Cagliari nel 2001
Cinema made in Sardegna: successo per Peter Marcias


CAGLIARI - Per il Cinema “Made in Sardegna” evento di punta della giornata è stata “L’unica lezione”, di Peter Marcias, il cortometraggio selezionato alle Giornate degli autori, nella sezione Notti veneziane. Per Nevina Satta (direttrice della Fondazione Sardegna film commission): «L'investimento della Fondazione Sardegna film commission della Regione Sardegna sulla formazione e la crescita dei giovani talenti passa qui a Venezia. Come un invito al matrimonio di poesia e duro lavoro, offrendo una straordinaria combinazione di desiderio di incontro e responsabilità di progetto, che dalla lezione del teatro passa al cinema e arriva allo spettatore. Nell'anno del premio Ubu a Macbettu, dello sguardo Made in Sardegna che raggiunge i festival internazionali con (tra gli altri) di “Figlia mia”, “Fiore gemello” ed “Ovunque proteggimi”, credo si possa insistere con determinazione nel generare forti opportunità produttive per favorire nuovi innesti tra i nostri giovani professionisti.»

Il film di Marcias, proiettato alla Villa degli autori, prende spunto da una lectio magistralis che il regista iraniano Abbas Kiarostami tenne all’Università degli studi di Cagliari nel 2001. In Sardegna, Kiarostami incontrò gli studenti universitari per parlare della sua idea di cinema. I versi delle sue poesie accompagnano le immagini. Peter Marcias, a distanza di anni, trova nel suo archivio, il filmato amatoriale di quella lezione, che riprende vita arricchito da elementi di finzione. L’unica lezione avrà una distribuzione cinematografica grazie alla Kio film di Valentina Del Buono. Si tratterà di una distribuzione congiunta con “Il teatro al lavoro”, di Massimiliano Pacifico, sull’avventura umana ed artistica della creazione dello spettacolo Elvira di Toni Servillo che, dopo Sorrentino, è nuovamente legato al cinema Made in Sardegna. Entrambe i lavori hanno un ideale minimo comun denominatore: la parola che arriva al cuore di chi ascolta e diventa in qualche modo messaggio o piccola grande “lezione” pedagogica, necessaria a guardare il mondo con occhi cambiati. Il lavoro di Marcias è un omaggio ad un grande maestro.

«Insegnare - ha dichiarato Peter Marcias - mi ha permesso di trasferire ai ragazzi la mia passione per il cinema e nello stesso tempo la mia personale ammirazione per Abbas Kiarostami, Maestro indiscusso della Settima arte. Abbiamo rivisto le sue opere e insieme abbiamo “lavorato” le mie immagini “rubate” del 2001. Essere alla alle Giornate degli autori della 75esima Mostra di Venezia è stato un grande onore. Un grazie immenso va Giorgio Gosetti, poi agli studenti dell'Università di Cagliari che mi hanno seguito e spero abbiamo recepito alcuni passaggi del mestiere cinema, e Toni Servillo che ha amato particolarmente il corto e ha manifestato la sua passione per Kiarostami. Ora la parola spetta al pubblico che vedrà la mia opera abbinata al film Il teatro a lavoro di Massimiliano Pacifico con Toni Servillo». Occasione di approfondimento per Marcias è stato l’incontro pomeridiano alla Villa degli autori con i giovanissimi giurati del Leoncino d'oro Agiscuola, giunto quest'anno alla 30esima edizione. Con lui, a rispondere alle domande dei ragazzi anche Servillo. L’unica lezione, sostenuto dalla Fondazione Sardegna film commission, è prodotto, nell’ambito del Laboratorio di cinema Found footage del Celcam dell’Università di Cagliari, coordinato da Antioco Floris.

Tra gli appuntamenti di richiamo della giornata centrale del “Cinema Made in Sardegna” a Venezia, l’approfondimento sulla formazione professionale nel settore audiovisivo nell’incontro “Meet the funds and discover the training opportunities”, occasione per presentare il nuovo corso di perfezionamento in “Diritto ed economia del cinema e del settore audiovisivo”, nato dalla collaborazione della Film commission con l’Università di Sassari. Infine, anche l’incontro con “Roberto Minervini meets Festival dei popoli and IsReal”. Minervini, uno tra i registi italiani più attenti al cinema del reale, è in concorso a Venezia 75 con “What you gonna do when the world's on fire?”. L’incontro è stato organizzato con il supporto di Fondazione Sardegna film commission e di Fondazione sistema Toscana, in collaborazione con l'Istituto Luce Cinecittà. Il Festival dei popoli-Festival internazionale del film documentario di Firenze ed IsReal-Festival di cinema del reale di Nuoro omaggeranno Roberto Minervini con una retrospettiva completa, una masterclass e degli incontri con il pubblico in occasione delle rispettive manifestazioni, che si terranno a Firenze, da sabato 3 a sabato 10 novembre ed a Nuoro, dal 7 al 12 maggio 2019. L’omaggio nasce dall'incontro dei rispettivi direttori, Alberto Lastrucci (direttore del Festival dei popoli) ed Alessandro Stellino (direttore artistico di IsReal e curatore della doppia retrospettiva) e dalla volontà di proporre un approfondimento su uno dei cineasti contemporanei più sorprendenti ed innovativi.

Nella foto: Toni Servillo, Massimiliano Pacifico e Peter Marcias
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas