Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariPoliticaSanità › «Poliambulatorio di Buggerru in stato di abbandono»
Red 6 settembre 2018
«Condizioni di degrado assurde per il presidio sanitario. La Assl approvi un intervento per la riqualificazione del complesso», dichiara il capogruppo dell´Udc in Consiglio regionale Gianluigi Rubiu, che ha presentato un´interrogazione sull´argomento
«Poliambulatorio di Buggerru in stato di abbandono»


BUGGERRU - Carenza di impianti di condizionamento, avarie degli infissi, condizioni igieniche sanitarie intollerabili, umidità sulle pareti interne e sui soffitti, bacinelle nei corridoi per raccogliere le infiltrazioni d’acqua, il pericolo per la caduta degli intonaci in alcune delle sale. E’ il quadro dello stato di abbandono del Poliambulatorio di Buggerru (ai bordi della Via Flumini) con le criticità all’interno del presidio sanitario. A denunciare la situazione il capogruppo dell’Udc in Consiglio regionale Gianluigi Rubiu.

«La struttura che accoglie importanti servizi di emergenza sanitaria, con alcune delle prestazioni per i pazienti del territorio – spiega il rappresentante dei moderati, che sull’argomento ha presentato un’interrogazione urgente – risulta essere ormai abbandonata senza che mai venga effettuata una manutenzione ad impianti e strutture. I vertici dell’Azienda socio sanitaria del Sulcis Iglesiente dovrebbero fronteggiare subito questo stato di degrado con un intervento immediato per evitare rischi per gli utenti». Preoccupazione e disagi che si sono materializzati nelle proteste dei pazienti: «Nelle diverse sale risulta assente un impianto di condizionamento e, con la temperatura che aumenta nel periodo estivo, è forte il rischio di malori all’interno dello stabile – aggiunge Rubiu – Gli infissi restano aperti giorno e notte per lo stato di evidente precarietà. Il livello dei servizi igienico sanitari è equiparabile ad una struttura da terzo mondo. Ancora: ci sono infiltrazioni all’interno del caseggiato con le ultime piogge estive».

Inutili gli appelli dell’Amministrazione comunale, all’assessore regionale della Sanità Luigi ed ai vertici dell’Azienda sanitaria del territorio: «Si tenga presente – conclude il consigliere regionale centrista – che i pazienti del Comune di Buggerru vivono una situazione di svantaggio, visto che il paese più vicino è lontano oltre quindici chilometri. Ci sono poi difficoltà smisurate per raggiungere gli altri presidi sanitari, a causa della mancanza di servizi per il trasporto dei pendolari, con sole quattro corse giornaliere. Ecco perché diventa urgente fronteggiare il degrado del poliambulatorio, con un intervento urgente di riqualificazione dello stabile».

Nella foto: il consigliere regionale Gianluigi Rubiu
Commenti
16:17
Dopo le ultime analisi compiute dal Dipartimento di Prevenzione-Servizio Igiene degli alimenti e della nutrizione della Ats, l´acqua nel quartiere sassarese, in particolare nelle vie Massaia, Cadamosto, Magellano, Marco Polo ed Amdusen, è stata dichiarata di nuovo potabile
22:08
All´Argentiera l´acqua non è adatta al consumo umano diretto come bevanda e per la preparazione degli alimenti. Può essere utilizzata previa bollitura e per tutti gli usi igienici compresa l´igiene personale. Invece, è stato revocato il divieto di consumo diretto per la zona del centro storico
21:18
«Non esiste alcuna emergenza in Sardegna. I controlli sulle donazioni di sangue sono stati estesi al mese di ottobre», hanno dichiarato all´unisono l´assessore regionale alla Sanità Luigi Arru e l´Unità di crisi
24/9/2018
Domenica 30 settembre, il Gils con i suoi volontari, rilancia anche in Piazza d´Italia, dalle 9 alle 14, il suo appuntamento istituzionale contro la sclerodermia
24/9/2018
Quasi cinquecento i cittadini che si sono presentati in piazza per difendere la sanità sarda e dire “no” alla chiusura dell´ospedale. «Basta speculazioni, al primo posto c´è la salute delle persone», hanno dichiarato i portavoce di Caminera Noa Alessia Etzi e Giovanni Fara
© 2000-2018 Mediatica sas