Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroPoliticaAmbiente › Zone umide: 2milioni per Ogliastra e Sarrabus
Red 7 settembre 2018
Programmati dalla Giunta regionale i fondi per le due zone, dopo quelli per la Gallura, Cagliari, Oristano e per il Sulcis. «Tutela e sviluppo con l´innovativo Piano da 20milioni», sottolinea l´assessore della programmazione Raffaele Paci
Zone umide: 2milioni per Ogliastra e Sarrabus


NUORO - Con i 2milioni di euro programmati mercoledì dalla Giunta regionale per gli interventi strategici in Ogliastra e Sarrabus, all’interno del Piano per le zone umide regionali da 20milioni, sale a 16milioni su cinque zone la ripartizione del Fondo di sviluppo e coesione dal Patto per la Sardegna. Come proposto dall’assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, i 2milioni finanzieranno interventi per la funzionalità del canale di adduzione alla laguna di Sa Praia (500mila euro), lavori di disinterramento delle bocche a mare degli stagni di Colostrai e Feraxi Pontis (500mila euro), traversa sul Rio Girasole per il miglioramento dell’apporto di acqua dolce nella laguna di Tortolì (500mila euro), miglioramento della sentieristica della Laguna San Giovanni a servizio delle funzioni ecologiche e turistiche (340mila euro), ripristino di un vascone funzionale alla sperimentazione del ciclo produttivo controllato della vongola verace e del muggine (160mila euro).

Le precedenti programmazioni riguardavano Gallura (2milioni), Cagliari (4milioni), Oristano (6milioni) e Sulcis (2milioni). Entro l'anno, saranno programmati gli ultimi 4milioni destinati all'area della Rete metropolitana di Sassari. «Vogliamo potenziare le attività produttive delle zone umide, incentivare la nascita di attività turistiche e sportive, creare percorsi del sale e centri benessere dal forte richiamo turistico, salvaguardare e tutelare la forza lavoro occupata nelle attività economiche e allo stesso tempo promuovere nuova e qualificata occupazione - spiega Paci - Abbiamo messo a punto una politica complessiva per valorizzare al meglio le zone umide, che sono una grande risorsa della Sardegna e per la Sardegna, un patrimonio esclusivo e di grande valore. Sicuramente la tutela ambientale è prioritaria e ci guida in ogni intervento, ma vogliamo anche che queste zone siano sempre più conosciute e diventino occasione per generare sviluppo e lavoro».

Tutto il percorso per mettere a punto il miglior piano possibile per le zone umide della Sardegna è stato costantemente e fortemente condiviso con i territori interessati. Negli scorsi mesi, è stato avviato uno specifico percorso di co-progettazione, guidato dall’Unità di progetto per la programmazione unitaria per individuare gli interventi di valorizzazione in termini produttivi delle zone umide. «Ancora una volta abbiamo voluto che le comunità locali fossero protagoniste assolute, principio alla base della programmazione territoriale all’interno della quale è inserito il Piano per le zone umide. Abbiamo deciso di ascoltare prima di tutto i territori, raccoglierne istanze e richieste, valutare le esigenze che emergono e, insieme, costruire un progetto che rispecchi le caratteristiche locali e dia risposte perfettamente calibrate», sottolinea il vicepresidente della Regione. I territori oggetto di intervento sono stati individuati dall’Università degli studi di Cagliari, a cui la Giunta, nel maggio 2016, con la delibera che istituiva il Parco regionale delle zone umide dell’area metropolitana di Cagliari, aveva affidato la predisposizione dello studio di valorizzazione delle zone umide e lagunari della Sardegna. A novembre 2017, la Giunta regionale ha stabilito la ripartizione delle risorse e sta ora procedendo alla loro programmazione. «Abbiamo ben chiari gli obiettivi e contiamo molto sul fondamentale contributo delle associazioni e dei privati per raggiungerli», conclude Paci.

Nella foto: l'assessore regionale Raffaele Paci
Commenti
20/9/2018
Venerdì, nella sede della Carbosulcis, si terrà l’inaugurazione del progetto, che prevede la realizzazione nella miniera di Monte Sinni, nel Sulcis-Iglesiente, di una nuova infrastruttura d’avanguardia. Presente il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
© 2000-2018 Mediatica sas