Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaSpettacoloConcerti › Festival In-itinere: notte di note in Gallura
Red 7 settembre 2018
In programma domani sera, in Piazza Santa Croce, ad Olbia, lo spettacolo organizzato dall´Accademia musicale Bernardo De Muro, con la direzione artistica di Fabrizio Ruggero. Nell´occasione, riecheggeranno gli accenti del Karalis Brass quintet per il secondo appuntamento con il trittico sonoro che impreziosisce la ricca programmazione dell´estate olbiese
Festival In-itinere: notte di note in Gallura


OLBIA - Magie barocche e sonorità contemporanee con il concerto del Karalis Brass quintet, in programma domani, sabato 8 settembre, alle 21.30, in Piazza Santa Croce, ad Olbia, sotto le insegne del “Festival In-Itinere 2018”, organizzato dall'Accademia musicale Bernardo De Muro, con la direzione artistica del pianista e direttore d'orchestra Fabrizio Ruggero ed incastonato nel ricco cartellone dell'estate nella città gallurese (all'interno della Stagione concertistica della Scuola civica di musica di Olbia), per un trittico sonoro realizzato con il patrocinio ed il sostegno del Comune. Un intrigante viaggio in musica con lo strepitoso Quintetto di ottoni formato da Lorenzo Panebianco (corno), Matteo Cogoni e Gigi Corrias (trombe), con Luca Mangini (trombone) e Claudio Lotti (basso tuba), tra immortali capolavori ed inedite trascrizioni di brani pop, standards jazzistici ed antichi ritmi di danza (reinterpretati in chiave contemporanea) tra virtuosismo e libertà d'espressione.

Nello spazio en plein air nel centro storico della città risuoneranno melodie indimenticabili, in un'affascinante antologia di canzoni: da “Stardust” di Hoagy Carmichael e Mitchell Parish a“Yesterday” dei Beatles, da “Misty” di Erroll Garner a “Round Midnight” di Thelonious Monk e Cootie Williams, con cui si sono cimentati moltissimi artisti, come Miles Davis, che la eseguì al concerto di Newport, in occasione del suo ritorno sulla scena, e la inserì nel successivo album, intitolato proprio “Round About Midnight”. Le atmosfere dell'età elisabettiana rivivono nelle Danze inglesi del Sedicesimo secolo nella versione di Elgar Howarth, mentre rende omaggio alle figure dei cantastorie la Sonata de Die Bänkelsängerlieder di anonimo autore della fine del Seicento.

L'eclettico programma comprende anche la celebre Fuga in sol minore Bwv578 (o “Piccola fuga”) di Johann Sebastian Bach, in cui l'eleganza del contrappunto si sposa alla felicità d'invenzione. Il trombettista David Short firma “Tango!” e “Polka miseria”, ma anche gli arrangiamenti per ottoni di “Latin” e pure di “Ciao Albertone” di Piero Piccioni, ispirato alle colonne sonore dei film di Alberto Sordi ed un'eco “cinematografica” riaffiora con “The Pink panter” di Henry Mancini, tema musicale dell'omonimo film di Blake Edwards.

Nella foto: Karalis Brass quintet
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas