Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariAmbienteUniversità › A Cagliari il congresso Site
Red 11 settembre 2018
Da domani a venerdì, i locali dell´ex Manifatture Tabacchi ospiteranno il congresso della Società italiana di ecologia, organizzato dal docente dell´Università degli studi di Cagliari Antonio Pusceddu: 160 studiosi discuteranno di biodiversità, ecologia del paesaggio ed educazione ambientale
A Cagliari il congresso Site


CAGLIARI - Per la prima volta dalla sua fondazione, la Società italiana di ecologia terrà i lavori del suo Congresso nazionale in Sardegna, a Cagliari, da domani, mercoledì 12, a venerdì 14 settembre, nei locali delle ex Manifatture tabacchi, in Viale Regina Margherita 33. Il Congresso, la cui organizzazione è affidata al docente di Ecologia all’Università degli studi di Cagliari Antonio Pusceddu, ha come tema portante “Conservazione, ripristino ed adattamento degli ecosistemi nell'Antropocene”.

L’iniziativa vedrà la partecipazione di oltre 160 studiosi da tutta Italia, che si confronteranno su temi quali biodiversità e funzionamento ecosistemico, servizi ecosistemici degli ambienti di transizione, ecologia del paesaggio, ecotossicologia, variabilità idrologica, didattica dell’ecologia ed educazione ambientale, analisi delle invasioni biologiche. Inoltre, è prevista la partecipazione di Ludek Blaha, della Masaryk University di Brno, esperto di ecotossicologia, e di Patrick Venail, dell’Università di Ginevra, esperto delle relazioni tra biodiversità e funzionamento degli ecosistemi. Questo evento costituisce l’ennesimo riconoscimento del ruolo focale dell’Università di Cagliari nel panorama culturale nazionale, ed esalta al contempo il ruolo chiave della Sardegna nelle dinamiche scientifiche del Mediterraneo.

Nella foto: il professor Antonio Pusceddu
Commenti
20/2/2019
L’Università degli studi di Cagliari fonda, con altre tredici realtà accademiche, la sezione nazionale di “Scholars at risk”, la rete internazionale che opera per la protezione degli studiosi la cui libertà di ricerca ed insegnamento è preclusa nei rispettivi Paesi: la firma ieri a Padova
18/2/2019
«La protesta deve essere indirizzata verso l’azienda che eroga il servizio. Le cifre messe a disposizione dall’Università di Cagliari sono sempre le stesse», ha sottolineato Maria Del Zompo. L’Ateneo valuta un possibile ruolo di mediatore tra impresa ed addetti al servizio
© 2000-2019 Mediatica sas