Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloMusicaTutti zitti, canta Giulia Ventisette
Red 18 settembre 2018
E´ uscito venerdì, su tutte le maggiori piattaforme digitali, il brano della cantautrice fiorentina, apripista dell’album “Stanze”, di prossima pubblicazione per l’etichetta discografica algherese “La Stanza nascosta records”
Tutti zitti, canta Giulia Ventisette


ALGHERO – E' uscito venerdì, su tutte le maggiori piattaforme digitali, il brano “Tutti zitti”, della cantautrice fiorentina Giulia Ventisette, apripista dell’album “Stanze”, di prossima pubblicazione per l’etichetta discografica algherese “La Stanza nascosta records”. Stanze è il secondo album in studio della cantautrice, dopo “L’inverno del cuore”(2015). Tutti zitti, trasmesso in anteprima da “Radio L’Olgiata media group”, è in rotazione su oltre ottanta emittenti radiofoniche dislocate sull’intero territorio nazionale.

Il brano, sulla frustrazione silenziosa di un precariato condannato ad una condizione di castrante ricattabilità, si è inoltre già aggiudicato il “Premio della critica” durante il concorso per voci emergenti “Limatola festival”ed il “Premio Under35” di “Voci per la libertà-Una canzone per Amnesty”. Tutti zitti è accompagnato dal videoclip ufficiale, girato nella “Scuola di musica Blue note”, a Campi Bisenzio. La regia del videoclip, visibile sul canale YouTube della cantautrice e su quello dell’etichetta, è del filmaker e direttore della fotografia Daniele Pelacani, formatosi nel campo della comunicazione audiovisiva e multimediale.

«L’ispirazione per scrivere Tutti zitti - racconta Ventisette - nasce sia dalla mia personale esperienza, sia da uno sguardo più ampio alla situazione italiana (e non solo) attuale. Ho studiato all’Università di Ingegneria di Firenze, mi sono laureata con ottimi voti e senza andare fuori corso, dopo pochi mesi dalla laurea ho trovato un lavoro stabile con contratto a tempo indeterminato, sono fortunata. Me lo ripeto ogni giorno. Sono fortunata per tanti motivi. È una fortuna che però ha un prezzo, ecco il perché di questa canzone». «Son rimasta sola a fare la rivoluzione/chiusa dentro questa stupida prigione», canta Giulia in Tutti zitti. «Quello che vedo intorno a me è rassegnazione e paura - prosegue la cantautrice - questo non è più il tempo delle rivoluzioni, in cui si è disposti a non mangiare pur di restare uniti per ottenere i propri diritti, questo è il tempo dei social, il tempo in cui si scrive un post su Facebook e si pensa che tutto così sia risolto».

«È il tempo in cui si pensa solo a noi stessi: chi ha il lavoro pensa solo a tenerselo e a rimanere in silenzio, per non attirare l’attenzione di chi avrebbe il potere di toglierglielo, chi non ce l’ha invece cerca disperatamente mille stratagemmi per riuscire ad arrivare a fine giornata, ignorato dal mondo circostante (nella migliore delle ipotesi). Premesso questo, non voglio assolutamente puntare il dito contro gli altri e tirarmene fuori: faccio parte di questa società e purtroppo anche io sono vittima di questi meccanismi. Le mie canzoni sono anche uno sprone e un monito a me stessa, per diventare una persona migliore», conclude Giulia Ventisette. In Tutti zitti, autentico antidoto in musica al male generalizzato della rassegnazione, sembrano convivere empatia e valenza sociale; la scrittura ed il timbro vocale della Ventisette regalano una “topical song” di immediato impatto emotivo, percorsa da un'inedita verve malinconica.

Nella foto: Giulia Ventisette
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas