Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAnziani › «L´Ostello non è un villaggio incantato»
P.P. 21 settembre 2018
Così i consiglieri di Alghero Emiliano Piras, Maria Grazia Salaris, Nunzio Camerada, Maurizio Pirisi, Michele Pais, Monica Pulina e Donatella Marino, tutti d'opposizione, dopo aver effettuato nella giornata di giovedì un sopralluogo nella struttura di Fertilia
«L´Ostello non è un villaggio incantato»


ALGHERO - «Confermate le preoccupazioni e criticità che la struttura presentava già dal momento della sua individuazione, al contrario del “villaggio incantato” descritto dal Sindaco e dalla sua precaria maggioranza. Considerato oltretutto che stiamo andando incontro alla stagione invernale, e che tali criticità non potranno che amplificarsi».

Così i consiglieri Emiliano Piras, Maria Grazia Salaris, Nunzio Camerada, Maurizio Pirisi, Michele Pais, Monica Pulina e Donatella Marino dopo aver effettuato nella giornata di giovedì un sopralluogo nella struttura di Fertilia, dove il giorno prima il Vescovo Mauro maria Morfino e le massime autorità politiche e militari avevano partecipato all'inaugurazione della struttura, insieme alle famiglie degli anziani ospiti [GUARDA].

Dubbi anche sulla vecchia struttura di Vuiale della Resitstenza da parte dei sette consiglieri di opposizione. «Grazie al nostro puntuale e responsabile lavoro di opposizione - sottolineano - siamo riusciti a rallentare la frettolosa e sconclusionata decisione dell’amministrazione di individuare un’area a Fertilia per la costruzione ex novo del Cra, senza avere prima una perizia certificata dei danni della struttura di viale della resistenza, e il “computo metrico” dei lavori che sarebbero necessari per la ristrutturazione eventuale della stessa».

«D’altronde - concludono Piras, Salaris, Camerada, Pirisi, Pais, Pulina e la Marino - questa emergenza, che doveva essere sicuramente evitata con interventi più puntuali di manutenzione, ci mette nelle condizioni di poter predisporre un atto di programmazione serio e ponderato sull’accoglienza in città degli anziani e dei diversamente abili, che più di ogni altra fascia meritano grande attenzione, solidarietà e servizi adeguati».

Foto d'archivio
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas