Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaArte › Ad Alghero, la mostra di Nina Trudu
Red 24 settembre 2018
L´inaugurazione della personale dell´artista algherese si terrà venerdì sera, nello spazio espositivo/studio “Art room Alghero”, in Via Mazzini 35
Ad Alghero, la mostra di Nina Trudu


ALGHERO - Venerdì 28 settembre alle 19, nello spazio espositivo/studio dell'artista algherese Nina Trudu, l'Art room Alghero, in Via Mazzini 35, è in programma l'inaugurazione della sua personale. Saranno presenti una decina di opere, frutto del lavoro di ricerca iniziato un anno fa. La mostra sarà visitabile fino a domenica 14 ottobre, sabato e domenica, dalle 10 alle 12.30 e dalle 17 alle 20. Per i giorni feriali, la visita è su prenotazione telefonando al numero 340/6659957.

Trudu è nata ad Alghero, dove tutt'ora lavora ed opera. Diplomata all’Accademia di Belle arti di Sassari, attualmente insegna Arte e immagine nella Pubblica istruzione e organizza laboratori d’arte per bambini ed adulti nel suo studio, l'Art Room Alghero. Tra le sue esperienze, figurano diverse collettive e personali.

«L’anima dipinta da Nina è come un puzzle da sistemare. Un puzzle di fotogrammi che non ha bisogno di altro, se non di quei pezzi mancanti. E poi ritrovati. Una ricerca sostanziale. Continua. Dell’essenziale. Altro non le serve. Uno studio attento fatto di dettagli da osservare. Un simbolismo dominato dal colore verde, il colore dell’equilibrio, il colore che richiama il contatto con le leggi della natura. Pochi elementi da ingrandire con la mente, per poi elaborare. Frammentazioni…questa mostra dal titolo evocativo, ci ricorda quanto potere abbia la semplicità dipinta su tela. Gli spazi suddivisi geometricamente – spiega la curatrice della mostra Chiara Ciri - Le case che s’intravedono, spogliate dagli alberi in primo piano. Le case. Forse il più significativo simbolo della personalità dell’individuo. Dove mettiamo il nostro spazio fisico e psicologico. Dove ricerchiamo il contatto col nostro io se lo smarriamo. Gli alberi, simbolo del tempo che scorre. Tutti segnali. Piccoli segnali che prendono vita. Per non parlare dei rami, simbolo di conoscenza spirituale, squarciano le tele e s’intersecano, somigliando sempre più alle luci e alle ombre. L’artista li dipinge come fossero dei sogni che vibrano e che vengono alla luce. Un sottile gioco che inizia tra quegli alberi intersecati che diventano frammenti impigliati. Sospesi. Uno studio asciutto che è cresciuto. Ramo dopo ramo. Finestra dopo finestra. Ogni particolare dipinto qui, assume un significato. Unici spettatori. Delicati ed essenziali. Discreti e bisbigliati. D’altra parte è Nina Trudu. E la sua arte è un lungo viaggio fatto di riflessi. E brividi. Ed echi. I toni caldi dei suoi colori, sembrano apparire e poi svanire, acquistando una personalità, un loro carattere. E grazie a Nina vivono. Di luce. Di pensieri che sudano e tramano come l’intreccio dei suoi alberi. Quei rami che quasi sperano e vanno verso l’alto. Dei rami che cercano altro. L’infinito. E oltre».

Nella foto: Nina Trudu
Commenti
16/10/2018
Si è concluso a Sassari il progetto che utilizza l´arte per sensibilizzare al decoro urbano. Ieri mattina, alla fiera Promo Autunno, erano presenti il sindaco Nicola Sanna, l´assessore comunale alle Politiche agro-ambientali Fabio Pinna, il responsabile delle relazioni esterne del Banco di Sardegna Antonio Garrucciu, Federico Soro, docente dell´Accademia delle Belle arti di Sassari e l´artista Pietruccia Bassu
© 2000-2018 Mediatica sas