Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Furti e danni alle auto: algherese in manette
Red 18 ottobre 2018
Trovato subito il colpevole dei fatti di Via Pacinotti. I Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per tentato furto con scasso su autovetture in sosta e violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale un 35enne colto in flagrante
Furti e danni alle auto: algherese in manette


ALGHERO - Trovato subito il colpevole dei fatti di Via Pacinotti. Nella notte tra martedì e mercoledì, diverse auto in sosta erano state danneggiate e, in un primo momento, si era pensato ad un raid di ignoti vandali [LEGGI]. Ma così non è.

Tentato furto con scasso su autovetture in sosta e violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale. E' infatti questa l’accusa per un 35enne algherese, già noto alle Forze dell'ordine, sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel territorio comunale algherese ed arrestato ieri (mercoledì), in fragranza di reato, dai Carabinieri della locale Stazione.

L’arresto è scattato dopo la segnalazione da parte di un cittadino che aveva visto un uomo aggirarsi con fare sospetto vicino ad alcune autovetture in sosta, che presentavano segni di forzatura per rubare quanto lasciato incustodito all’interno. Per i proprietari dei veicoli, l’importo dei danni riportati dalle loro auto in sosta è di gran lunga superiore al valore della refurtiva. L’arrestato è stato condotto oggi nel Tribunale di Sassari, dove l’Autorità giudiziaria ha convalidato l’operato dei militari, disponendo la custodia nella Casa circondariale di Sassari-Bancali.
14:06
Gli agenti del locale Commissariato di Pubblica sicurezza hanno denunciato in stato di libertà un 42enne algherese per tentata estorsione. L’episodio risale a qualche giorno fa e la vittima è risultata essere la moglie
17:44
I militari dell’Arma, dopo una serie di riscontri sono riusciti ad accertare che la carta ricaricabile sul quale è stato effettuato l’accredito, è riconducibile ad un 40enne della provincia di Cosenza, già noto alle Forze dell’ordine, denunciandolo così all´Autorità giudiziaria per il reato di truffa
© 2000-2018 Mediatica sas