Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniPoliticaTaccio, soffro e rifletto come un leone in gabbia
Enrico Daga 4 novembre 2018
L'opinione di Enrico Daga
Taccio, soffro e rifletto come un leone in gabbia


Il mio è un silenzio imbarazzato, avvilito, intriso di pudore e buona volontà, quello di chi sa di compiere quotidianamente una funzione che non gli è propria (la stampella), per una ragione superiore. Quale sia la ragione è semplice da dedurre: ho deciso di mettere i miei interessi politici personali in disparte, sacrificando contemporaneamente il mandato ricevuto da quasi 3700 persone, per non dare alla città l'ennesimo commissario. So che molte di loro lo hanno apprezzato, altre meno, e le capisco.

In altre parole: teorizzo che l'esperienza Bruno debba compiere il suo percorso fino alla fine del mandato, perché questo, gli algheresi, hanno decretato col voto del lontano 2014. Forse sarò colui che pagherà politicamente il pezzo più alto ma, credo, di aver contribuito, con questo gesto, a fare chiarezza, in una città famosa per l'interruzione anticipata delle consiliature. Interruzioni premature alle quali anch'io ho talvolta ho contribuito, che non hanno fatto altro che avvantaggiare i più scaltri, i più furbi. Solo oggi ho capito di essere stato oggetto di scambi fatti in camere segrete.

Molti di noi sono stati calpestati, usati, talvolta sacrificati in ragione della gestione del potere dalle solite lobbies di peracottari della politica locale che da sempre effettuano scorribande in questa città e che la tengono ferma, quasi sotto sequestro. E anche questa volta, c'era chi si sfregava le mani. Esperienze, dicevo, che mi hanno aiutato a maturare, politicamente. Ho imparato che a volte basta attendere per scoprire quale dev'essere la strada da imboccare. Con questo spirito, questa volta, ho voluto che non ci fossero alibi.
Desidero fortemente che gli Algheresi decidano se questa esperienza andrà salvata e se da questa esperienza si ripartirà o, viceversa, se sarà bene affidare il nostro futuro in altre mani. Ecco perché sono in silenzio , e un po' spettatore, sulle questioni locali. Taccio, e soffro. Rifletto. Aspetto giugno, come un leone in gabbia.

* consigliere comunale Partito democratico Alghero
Commenti
16/11/2018
Laureato a Cagliari nella facoltà di Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio, è stato direttamente nominato dal Vice Presidente del partito Antonio Cardin, il quale gli ha affidato il compito di completare la strutturazione del partito nel territorio di competenza
© 2000-2018 Mediatica sas