Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniCosteBasta posidonia, serve uno svincolo
Fabio Fois 1 dicembre 2018
L'opinione di Fabio Fois
Basta posidonia, serve uno svincolo


Non voglio entrare in merito alla pulizia o alla qualità della posidonia che si vuole riposizionare, perchè non ho le competenze tecniche per poterlo fare ed esistono organi sicuramente specializzati per giudicare la bontà delle stesse. Il mio intervento è stimolato sia dalla forte protesta del comparto balneare, ai quali avrebbe fatto piacere anche il supporto di albergatori, ristoratori e di tutto il comparto turistico, perché ciò che stiamo difendendo non sono solo le nostre attività, ma la più importante attrattiva turistica della città, la spiaggia ed il mare, sia per quello che tra il 28 ed il 30 di ottobre è successo nella città di Alghero ed in tutta la costa occidentale della Sardegna.

Stiamo parlando di onde alte una decina di metri e venti a 120 km orari che hanno portato l’acqua del mare sulla strada della passeggiata bousquets dove purtroppo esiste il sito di stoccaggio delle alghe. La normativa regionale dice che la posidonia (alghe) va riposizionata al termine della stagione balneare, ma dice anche che sé la stessa si riposiziona naturalmente non è necessario spostarla manualmente. E’ possibile che non esistano organi competenti, regionali e di vigilanza che possano stabilire e certificare che il riposizionamento è avvenuto in maniera naturale?

Questo è quello che ci domandiamo assieme agli associati e colleghi che in questo momento delicato con azioni plateali stanno difendendo il territorio. Vedere la costa di Alghero già strapiena di alghe vecchie, anche in siti dove normalmente è difficile vedere cumuli di enorme portata (spiaggia Maria Pia) fare gli indifferenti non è facile, e vedere riposizionare quelle di qualche hanno fa con indifferenza da veramente fastidio a chi, nel e dal territorio ci vive e teme per le prossime stagioni estive. Capisco la posizione degli amministratori e dei tecnici, anche loro devono rispettare la normativa, però è anche vero che solo loro possono chiedere, in questa situazione, l’intervento di svincolo degli organi di competenza regionali e quello delle autorità di vigilanza.

*Presidente SIB-Confcommecio Nord Ovest Sardegna
Commenti
11/12/2018
WWf, Italia Nostra, Gruppo d´Intervento Giuridico, Federparchi, Codacons e Lipu sottolineano l´importanza dell´ecosistema posidonia-sabbia per i litorali e chiedono alcuni interventi per preservare le spiagge di Alghero: dubbi sui siti di stoccaggio e i lavori di riposizionamento non eseguiti con puntualità negli anni (obbligo di Comune quanto dei privati). Subito la bonifica dei siti. Rimane l´incognita "marea gialla". Di seguito la nota integrale
11/12/2018 video
Nasce ad Alghero, su proposta dell´assessore della Difesa dell´ambiente Donatella Spano, la "Rete tra le aree naturali protette della Sardegna" che, sotto una cabina di regia della Regione, mira a rafforzare la collaborazione con i due parchi nazionali, i quattro regionali e le sei aree marine protette della Sardegna
© 2000-2018 Mediatica sas