Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaSanità › Pronto soccorso comunica: l’Aou di Cagliari al Gemelli di Roma
Red 3 dicembre 2018
L’innovativo progetto messo in campo dall’Azienda ospedaliero universitaria cagliaritana varca il Tirreno ed arriva al Policlinico romano, dove è stato presentato in occasione della conferenza promossa dall’Università Cattolica del Sacro Cuore
Pronto soccorso comunica: l’Aou di Cagliari al Gemelli di Roma


CAGLIARI - “Pronto soccorso comunica”, l’innovativo progetto messo in campo dall’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari (un team di accoglienza e comunicazione direttamente in Pronto Soccorso) varca il Tirreno ed arriva al Policlinico Gemelli, dove è stato presentato in occasione della conferenza promossa dall’Università Cattolica del Sacro Cuore dal titolo “Parole per cosa? Efficacia e sostenibilità delle cure mediante la formazione dei professionisti”. A parlarne, davanti ad una folta platea di specialisti e dirigenti sanitari arrivati da tutta Italia, il responsabile Comunicazione dell’Aou di Cagliari Fabrizio Meloni.

L’idea partita dal Policlinico “Duilio Casula” è diventata un progetto di ricerca di interesse nazionale: il team di giovani comunicatori, che accoglie i pazienti ed informa passo passo i parenti in sala d’attesa del percorso clinico dei loro cari, sta riscuotendo grande successo. Si tratta di un progetto sperimentale, il primo del genere in Italia, realizzato in collaborazione con il corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università degli studi di Cagliari. Il pool di comunicatori sono una sorta di ponte tra la sala d’attesa, gli ambulatori e le sale di emergenze del Pronto soccorso. Mentre gli operatori sanitari, medici ed infermieri, si dedicano ai pazienti, nella sala d’attesa, un team si occupa dei parenti e degli accompagnatori, informandoli sul percorso in atto. Per chi vuole sapere cosa succede al proprio caro è importantissimo avere un punto di accoglienza che offra questo servizio. Ovviamente, le notizie strettamente sanitarie vengono date solo dal personale autorizzato a fare questo.

Comunicare è fondamentale e bisogna sempre farlo nei dovuti modi: avere un punto di accoglienza e di comunicazione migliora il rapporto con i pazienti ed i parenti dei pazienti. Il progetto è stato ideato ed è coordinato da Meloni, responsabile Comunicazione e relazioni esterne dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari. Il gruppo di lavoro per il progetto di ricerca è composto anche da Elisabetta Gola (docente del corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’Università di Cagliari), Giorgio Sorrentino (direttore generale dell’Aou di Cagliari), Paola Racugno (direzione medica Aou Cagliari), Rosanna Laconi (direttore del Pronto soccorso del Policlinico Duilio Casula dell’Aou di Cagliari) e Claudia Loviselli.
Commenti
7:08
Peste suina africana: abbattuti altri novantadue capi a pascolo brado illegale. Dalle analisi sugli animali depopolati nelle ultime settimane, si sono potuti notare i primi segnali interessanti sulla regressione della Psa
11/12/2018
L´Ats Sardegna ha avviato il percorso di pianificazione delle modalità operative di coordinamento del Registro dei tumori della Regione Sardegna. Analizzati i processi informativi ed informatici destinati alla raccolta dei dati nell’intero contesto regionale
© 2000-2018 Mediatica sas