Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaElezioni › L´identikit di Francesco Desogus (M5s)
A.S. 5 dicembre 2018
Il candidato del Movimento 5 Stelle per la presidenza della Regione Sardegna è stato incoronato con 450 voti presi nel secondo turno delle regionarie online celebrate sulla piattaforma Rousseau
identikit di Francesco Desogus (M5s)


CAGLIARI - Anche i grillini sardi hanno il loro candidato alla carica di Presidente della Regione Sardegna. E' Francesco Desogus, 58 anni, dipendente pubblico della Città Metropolitana di Cagliari.

E' stato incoronato con 450 voti presi nel secondo turno delle regionarie online celebrate sulla piattaforma Rousseau. E' arrivato secondo con 422 voti Donato Forcillo, terzo Gianluca Mandas con 261, quarta Anna Sulis con 134 e quinto Marcello Cherchi con 83 voti. Il M5s ha quindi di nuovo un candidato dopo che aveva dovuto rinunciare alla corsa di Mario Puddu, ex sindaco di Assemini, vincitore alle prime regionarie e poi condannato ad un anno per abuso d'ufficio.

«Accetto con entusiasmo la candidatura - ha detto Desogus - consapevole dell'impegno che mi attende ma soprattutto della necessità di coinvolgere le parti migliori della società sarda in un progetto nuovo. Insieme ce la faremo». Il 58enne attivista a Cinque Stelle, alla prima avventura politica, parte subito all’attacco contro i candidati di punta di questa tornata elettorale. «Centrodestra e centrosinistra sono facce speculari della stessa vecchia idea di gestione del potere e nulla più. Hanno già fallito negli ultimi vent’anni e ora si ripropongono agli elettori come se nulla fosse. Zedda e Solinas sono solo dei vecchi politici di professione».
Commenti
11/12/2018
Il candidato di Alghero alle elezioni regionali di febbraio, già consigliere comunale, annuncia sui social la decisione di ritirare la propria candidatura. «Motivi personali e professionali»
11/12/2018
Scricchiola sempre più la candidatura di Solinas (Psd'Az) ma Tore Piana gli fa da scudo. «Con Zedda e il Pd alla Regione, per il nord Sardegna sarebbe la fine, affonderebbe. Si metta fine e si dica basta al Cagliari centrismo portato avanti dal Pd e da Pigliaru»
© 2000-2018 Mediatica sas