Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaManifestazioni › Alghero saluta l´800: tre giorni di eventi
Red 4 gennaio 2019
Una scommessa vincente, un altro successo collezionato dall’Associazione Itinerari nel tempo insieme ai suoi partner, per la riuscita della tre giorni di eventi ad Alghero, legati alla storia, agli usi, danze e costumi del “l’800”
Alghero saluta l´800: tre giorni di eventi


ALGHERO - Una scommessa vincente, un altro successo collezionato dall’Associazione Itinerari nel tempo insieme ai suoi partner, per la riuscita della tre giorni di eventi ad Alghero, legati alla storia, agli usi, danze e costumi del “l’800”. Una versione invernale, diversa rispetto a quella dello scorso anno, meno storica, ma più ricca di momenti conviviali, dedicati alla spensieratezza con la quale si guarda al nuovo anno. Musiche, danze storiche, figuranti in abito d’epoca a passeggio per il centro storico catalano per festeggiare il 2019 tra storia, presente e futuro. Un tableau vivant che ha incantato il pubblico del 31 dicembre, accorso ad Alghero per vivere un capodanno da mille e una notte. E così è stato. Il Chiostro di San Francesco è stata la location più suggestiva: nello spazio centrale abbracciato dal colonnato si sono svolte le danze e gli stage di ballo.

La sera del 31, il pubblico, reduce da qualche ora di lezione, ha vissuto da protagonista: cavalieri e dame sono diventati partner dei figuranti e hanno partecipato alle danze, magistralmente diretti dall’insegnante Alessia Branchi. E, a dir la verità, sono stati tutti bravissimi. Un’atmosfera regale ha contagiato il pubblico, catapultato indietro nel tempo. Perché la “mis en scene” non è stata solo “evocazione”. Tutti i ballerini della Scuola 800 di Bologna, che hanno mostrato le danze più in voga del secolo, si sono calati nella parte, rispettando l’etichetta e sfoggiando un bon ton nelle movenze e nell’atteggiamento, tipico della classe borghese dell’epoca.

«Quest’anno non abbiamo avuto l’appoggio delle istituzioni, ma il pubblico ci ha premiato con entusiasmo e una partecipazione che non ci aspettavamo». Così commenta il presidente dell’Associazione Itinerari nel tempo Andrea Sini, che ha scelto Alghero per la seconda edizione dell’evento “l’800” e ha avuto ragione. «Proporre per fine anno i costumi dell’Ottocento è stata una bella sfida - continua Sini - a conferma che la gente ama la storia e soprattutto riviverla come un tempo. Emozione, stupore, coinvolgimento: tre parole che rappresentano bene i sentimenti di chi ha vissuto l’evento ma anche di chi lo ha creato». Pier Giorgio Caputo, membro del direttivo dell’Associazione: «E’ stato emozionante, perché abbiamo ripercorso una tappa storica senza renderci nemmeno conto che eravamo nel XXI secolo, il bello è stato proprio calarci nella parte e interpretare il nostro ruolo per creare l’atmosfera e dimenticarci del tempo». La tre giorni di eventi si è spostata in diverse location, dal Teatro Civico (dove i figuranti hanno fatto parte del pubblico presente al concerto di apertura del nuovo anno) al Museo Casa Manno. Il direttore Mauro Porcu ha ospitato il gruppo storico per la visita guidata e ha concesso gli spazi per un incontro presentato da Jessica Dalli Carillo ed Alessia Branchi dedicato alle usanze del ricevimento delle case della borghesia e del ballo.

Un momento particolare e carico di umanità è stato l’incontro alla casa di riposo “Angelico Fadda”, dove i ballerini hanno danzato regalando agli anziani ospiti un piccolo grande sogno. Un altro piccolo, ma grande pezzo di storia, appartiene al telaio antico di Tonello Mulas, artigiano algherese che ha aperto la sua bottega e illustrato al pubblico ed ai figuranti l’arte della tessitura ed i suoi ultimi lavori. «La magia dell’Ottocento ha reso più bella Alghero». E’ questo il commento che più ha colpito gli organizzatori, sempre più motivati a riproporre l’Ottocento anche in futuro. E qualcosa possiamo anticiparvela. Il mese prossimo potrebbe partire una nuova collaborazione con la Scuola 800 di Bologna, che ritorna in Sardegna, ad Alghero per tutti gli amanti del walzer, delle quadriglie e delle musiche risorgimentali. Per restare aggiornati su queste iniziative si può contattare l’Associazione telefonando al numero 338/8029471 e chiedere di essere inseriti nella newsletter. Tutte le attività dell’Associazione sono documentate nella pagina Facebook “Itinerari nel tempo”.
Commenti
10:28
Domenica, è in programma una giornata dedicata ai bambini all’insegna della sostenibilità al Villaggio campeggio Nurral, con l’Open-day della Sandalia sustainability summer school, che propone laboratori ecologici per bambini e ragazzi dagli otto ai tredici anni di età
© 2000-2019 Mediatica sas