Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCulturaUniversità › Erasmus: visita a Luna Rossa
Red 23 febbraio 2019
Novanta ragazzi Erasmus all’Università degli studi di Cagliari con un gol da applausi: la visita alla base di Luna Rossa. La festa di benvenuto per gli ospiti stranieri provenienti da quindici Paesi
Erasmus: visita a Luna Rossa


CAGLIARI - «Siamo lieti di accogliervi e mettervi nelle condizioni ideale per studiare, approfondire le conoscenze e farvi conoscere i servizi del nostro Ateneo», ha detto Alessandra Carucci, prorettore per l’Internazionalizzazione. Ieri mattina (venerdì), si è aperto l’Erasmus welcome day 2019 in onore dei novanta studenti europei impegnati all’Università degli studi di Cagliari nell’ambito dei percorsi “Erasmus+” e “Globus”. La professoressa Carucci, nell’auditorium B del Campus Aresu (ex clinica medica, in Via San Giorgio), ha illustrato aree disciplinari, percorsi didattici e formativi, servizi e dislocazione delle strutture in città ed a Monserrato. Curata dall'Ufficio mobilità internazionale (International students mobility office Karalis) dell’Ateneo cagliaritano, diretto da Anna Aloi, con le associazioni “Erasmus student network” ed “Associazione studentesca internazionalizzazione e diffusione cultura e scienza”, l’evento ha coniugato ed esaltato le potenzialità dell’ateneo, incluse le opportunità formative, di comunicazione, inclusione ed integrazione.

«Un mix che rafforza la città e le opzioni messe a vostra disposizione dall’Università su tematiche internazionali di grande impatto», ha rimarcato Carucci. Tra queste, lo sport e la vela dei grandi a disposizione di ragazzi provenienti da Spagna, Germania, Polonia, Romania, Turchia, Ungheria, Bielorussia, Sud Africa, Tunisia, Marocco, Inghilterra, Georgia, Iran, Portogallo e Colombia. Gli studenti seguono Scienze mediche, economia, ingegneria elettronica e meccanica, architettura, comunicazione e leggi. Con i saluti dei presidenti Esn Cagliari Michelangelo Berutti, Isawo Laura Deriu ed Esn Sardegna Alberto Spatola, la mattinata è proseguita con la passeggiata da Via San Giorgio al Molo Ichnusa. Alla base, l’incontro con Max Sirena, skipper di Luna Rossa. Quindi, foto e visite guidate con il general manager Gilberto Nobili e con Francesco Bruni, timoniere dell’imbarcazione che competerà per l’America’s cup 2021. Nella sala, i novanta “erasmini” hanno seguito due video inediti del team. L’occasione ideale per l’Ateneo, con il prorettore ed il direttore generale Aldo Urru, per donare una riproduzione di navicella nuragica al team di velisti. “Siamo certi di garantire ai nostri ospiti impegnati nel percorso Erasmus+ e Globus, non solo attenzioni specifiche ma anche opzioni modulabili su varie aree disciplinari. Qualità della didattica e dei servizi fanno capo a un concetto dell'inclusione senza confini - ha spiegato il prorettore - Siamo grati al team di Luna Rossa per le attenzioni che ha dedicato ai nostri studenti”. Con il direttore generale e con la dirigente per la Didattica Pina Locci, i docenti-referenti degli studenti durante la visita alla base. Tra questi, Fabrizio Pilo (direttore Dipartimento Ingegneria elettrica ed elettronica), Maurizio Murroni (docente Ingegneria tecnologie internet), Andrea Loviselli (Scienze mediche), Alberto Concu (Metodi e didattiche attività sportive), Alessandro Giua (Ingegneria industriale e informazione), Andrea Melis (Economia aziendale) e Massimiliano Piras (Diritto navigazione).

Il programma di accoglienza concepito e sviluppato dall'Ateneo ha colto nel segno. I novanta Erasmus+ e Globus, che studieranno nell’ateneo del capoluogo regionale, hanno apprezzato il passaggio nella base di Luna Rossa. Nella tana dell’equipaggio, che si allena per la prossima Coppa America, hanno scoperto aspetti meno noti di un team di velisti con pochi eguali. Intanto, con Ismoka e Luna Rossa, l’Ateneo ha costruito un sentiero di collaborazione utile anche in prospettiva. Da qui, un Erasmus welcome day dal segno più. Capace di esaltare i tesori ambientali e l’offerta culturale della città ed i servizi per l’accoglienza messi a disposizione dall’Ateneo. Grazie allo staff coordinato da Anna Aloi, con Francesca Olivi alla comunicazione social, foto e video, e la preziosa collaborazione negli spostamenti e durante le visite di Vanessa Carboni, Stefania Melas e Daniela Poddesu, gli studenti hanno seguito nei dettagli l’incontro con Luna Rossa, dalle dinamiche di lavoro a metodologie di allenamento, palestra, design room, hangar barca e vele. A seguire, il trasloco, con gli autobus messi a disposizione dal Ctm, al Windsurfing club Cagliari al Poetto. In sostanza, cinque ore di adrenalina, entusiasmo, passione. E tanta formazione, diretta ed indiretta. Più brindisi ed in bocca al lupo a base di birra e salsicce al barbecue organizzato alla Prima fermata.
Commenti
12:00
Dal Mali alla Sardegna per realizzare un sogno. È Bakari Coulibaly il primo laureato dell´Università di Sassari con protezione internazionale. Alla discussione della tesi ha partecipato anche la comunità maliana locale che ha festeggiato con Bouba il traguardo della laurea
© 2000-2019 Mediatica sas