Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCulturaEnogastronomia › Nutri-action: Liceo Dettori protagonista
Red 25 febbraio 2019
Avviato tra la Comunità Mondiale della Longevità e il Liceo Classico Dettori di Cagliari il progetto di ricerca che punta a stimolare attive analisi sulla formazione degli stili alimentari, valorizzare l´importanza della tradizionale dieta sardo-mediterranea
Nutri-action: Liceo Dettori protagonista


CAGLIARI - Stimolare attive analisi sulla formazione degli stili alimentari, valorizzare l'importanza della tradizionale dieta sardo-mediterranea ed ancora, promuovere una cultura positiva dell'alimentazione, in particolare nell’adolescenza, per prevenire patologie quali obesità e disturbi del comportamento alimentare, che in questa fascia d’età si manifestano con maggiore frequenza segnalando una preoccupante riduzione dell'aspettativa in salute delle giovani generazioni. Sono questi i principali obbiettivi che intende perseguire il progetto “Nutri-action”, iniziativa scaturita dalle opportunità offerte dall’Alternanza Scuola-lavoro e frutto di un protocollo di ricerca siglato tra Roberto Pili (presidente della Comunità mondiale della longevità) e Roberto Pianta (dirigente scolastico del Liceo statale “G.M.Dettori”. Inoltre, l'iniziativa si avvale del tutoraggio di Maricilla Cappai, docente del Liceo cagliaritano e sostenitrice dell’ispirazione scientifica e sperimentale della proposta.

«Il progetto – spiega Pili - intende formare i giovani alla conoscenza del giusto rapporto tra alimentazione e salute. Gli studenti coinvolti vestiranno i panni di giovani ricercatori, infatti, saranno loro i protagonisti in prima persona delle attività di ricerca sui loro coetanei in relazione agli stili di vita e scelte alimentari. Tutto questo, inoltre, avverrà in un vero e proprio confronto dinamico tra i giovani di oggi ed un gruppo di longevi di due Comuni della Sardegna, ovvero quelli che sono stati i giovani di ieri». Nel corso della ricerca, saranno raccolte importanti informazioni sulle diete prevalenti e le loro ricadute sulle condizioni di salute, sulla reale conoscenza della dieta sardo mediterranea sugli stili di vita adottati con particolari attenzioni sulla attività fisica e le capacità relazionali familiari e di comunità.

Le attività delle ricerche saranno anticipate da una fase formativa con lezioni in aula e laboratori pratici di gastronomia e cucina sperimentale all'Ifal, diretto da Patrizio Saba (Istituto di formazione al lavoro). Questa attività sarà supervisionata da professionisti dell’alimentazione (nutrizionisti e chef), per sviluppare una visione matura delle opportunità e delle ricadute di una sana alimentazione quotidiana, sia dal punto di vista nutrizionale, sia imparando a preparare il cibo con le proprie mani. La ricerca Nutri-action si inserisce nell'ambito del più complesso progetto “Cronos Valetudo” siglato dalla Comunità mondiale della longevità e la Uil pensionati della Sardegna. I dati ed i risultati ottenuti saranno in seguito analizzati dal Centro studi nutraceutici sulla alimentazione dei centenari, diretto sempre da Roberto Pili e nel quale collaborano Donatella Petretto (Università degli studi di Cagliari) ed i ricercatori Luca Gaviano, Gian Pietro Carrogu e Clara Mulas.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas