Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariSpettacoloTeatro › L’Ombra della sera a Sassari
Red 11 marzo 2019
Martedì sera, sul palco del Teatro Civico, andrà in scena “L’Ombra della sera”, della compagnia TeatroPersona. La regia è firmata da Alessandro Serra pluripremiato per “Macbettu” miglior spettacolo ai premi Ubu 2018
L’Ombra della sera a Sassari


SASSARI – Martedì 12 marzo, alle 21, sul palco del Teatro Civico di Sassari, andrà in scena “L’Ombra della sera”, della compagnia TeatroPersona. La regia è firmata da Alessandro Serra pluripremiato per “Macbettu” miglior spettacolo ai premi Ubu 2018. In scena Chiara Michelini, danzatrice di rara sensibilità e bravura.

Lo spettacolo è organizzato da Meridiano Zero. Inoltre, Michelini terrà una Masterclass oggi, alle 18.30, nella S’Ala di Via Giorgio Asproni. Per ulteriori informazioni e prenotazioni per lo spettacolo e per la masterclass, si può inviare una e-mail all'indirizzo web info@meridianozero.org.

Lo spettacolo si ispira alla vita ed all'opera di Alberto Giacometti, il cui universo viene evocato con un racconto silenzioso ed essenziale, fatto di immagini e movimento. Un movimento che non corrisponde mai al puro spostamento, ma piuttosto ad una qualità più profonda ed intima. La struttura drammaturgica si compone a partire dalle opere dell'artista: forme precise da cui estrarre possibili qualità di movimento e corrispettivi frammenti di umanità da evocare. Il racconto si sviluppa attraverso un punto di vista femminile ispirato alle tre donne della sua vita: la madre Annetta, la moglie Annette e la prostituta Caroline.

La grande avventura per Giacometti consisteva nel veder sorgere qualcosa di ignoto ogni giorno sullo stesso viso. In questo senso, lo spettacolo si ispirerà soprattutto al suo sguardo. Scoprire e far scoprire che la materia di queste esili figure non è carne martoriata, ne ossa scarnificate, ma piuttosto una speciale membrana, invisibile e sconosciuta che, come ossa sensibili alla pioggia, si infiamma di fronte ad uno sguardo puro. Uno sguardo capace di attraversare la ferita più segreta e svelarne la bellezza, solitaria e dolente. È di ritrattistica dal vero che si sta parlando, non di arte astratta. Sarà un ritratto dal vivo.
Commenti
11:17
Trent’anni fa, la scomparsa del più grande autore algherese. “Santutxo vol confetti”, domenica sera, al Teatro Civico, è in programma una serata per celebrare Pino Piras con canzoni e racconti
© 2000-2019 Mediatica sas