Skin ADV
Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaRiti › Porto Torres: «inaccettabile denigrare il 25 Aprile»
M.P. 25 aprile 2019
Il Comune di Porto Torres ha celebrato stamattina il 74esimo anniversario della Liberazione d´Italia. Alla cerimonia, svolta nella piazza Caduti 9 settembre 1943, era presente il vice sindaco Marcello Zirulia
Porto Torres: «inaccettabile denigrare il 25 Aprile»


PORTO TORRES - Il Comune di Porto Torres ha celebrato stamattina il 74esimo anniversario della Liberazione d'Italia. Alla cerimonia, svolta nella piazza Caduti 9 settembre 1943, era presente il vice sindaco Marcello Zirulia.

«Attribuiamo a questa giornata un enorme valore simbolico – ha detto il vice sindaco – e per la nostra amministrazione il 25 aprile rappresenta una giornata di ricordo e riflessione. La storia ci racconta di un'epoca difficile, tragica, non troppo lontana da noi». Un'epoca in cui l'Italia era stretta nella morsa del nazi-fascismo e l'Europa intera era un continente blindato, chiuso e litigioso «dimenticare, ignorare o, ancora peggio, denigrare i valori di questa giornata è impensabile e inaccettabile».

«Questa è una giornata in cui i nostri eroi vanno ricordati e celebrati – ha proseguito Zirulia – eroi come Giuseppe Migheli, unico partigiano portotorrese caduto nella guerra di liberazione, la cui vicenda è riemersa anche grazie al minuzioso lavoro di ricerca svolto dall'appassionato di storia Moreno Nocco.» Migheli era un aviere appartenente alla scuola specialisti della regia aeronautica di Orvieto. Dopo l'armistizio del 1943, si unì ad una brigata partigiana facente parte della divisione Garibaldi Natisone, una brigata ben affollata di partigiani sardi. È morto a 26 anni, il 13 aprile del 1944, a Renziano, vicino a Gorizia, abbandonando per sempre una moglie giovanissima e una numerosa e orgogliosa famiglia. Oggi è sepolto nel settore Jugoslavia del sacrario militare dei caduti d'oltre mare, a Bari.

«Il suo sacrificio, il sacrificio di centinaia di migliaia di altri uomini, - ha aggiunto Zirulia - ha contribuito a costruire l'Italia di oggi. Un'Italia libera, dentro un'Europa libera e senza confini.Dobbiamo dire cento mila volte grazie alle famiglie dei partigiani morti e ai partigiani ancora in vita, così come dobbiamo ringraziare e rivolgere un pensiero alle migliaia di soldati che hanno perso la vita per l'Italia. Mi riferisco agli uomini della Corazzata Roma, a cui sono dedicati un monumento e una piazza a Porto Torres. Il 25 aprile significa oggi democrazia, significa libertà, significa poter viaggiare liberamente, significa poter studiare liberamente, significa poter vivere la vita che più ci piace, sempre nel rispetto degli altri – ha concluso il vice sindaco - per questi e moltissimi altri motivi il 25 aprile va festeggiato, difeso e onorato».
16:33
Presente il Presidente del Consiglio Comunale Raffaele Salvatore, il Sindaco ha preso parte al programma delle celebrazioni organizzate dalla Parrocchia dell’Immacolata Concezione
© 2000-2019 Mediatica sas