Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSportBasket › Aleksandra Vujovic, personaggio sportivo della settimana
Fabio Fogu 2 febbraio 2005
Sensazioni e hobby di Aleksandra Vujovic, ala-guardia della Mercede Basket, personaggio sportivo della settimana
Aleksandra Vujovic, personaggio sportivo della settimana


ALGHERO - Il "business manager" fa canestro, questo potrebbe essere il titolo per l’intervista del personaggio sportivo della settimana. E' Aleksandra Vujovic la protagonista di questa settimana che per le sue gesta atletiche nell’ultimo incontro di basket femminile di A1 si è fatta notare per tutto il suo valore di cestista. Da grande Aleksandra, appunto, vuole fare il "business manager", ma per ora va avanti e indietro sul parquet di via Pacinotti e rifila canestri alle avversarie di turno. Aleksandra Vujovic, 24 anni, racconta la sua esperienza da “straniera” nella Mercede Basket di Alghero.

Migliore realizzatrice nella partita contro il Bolzano. Una vittoria nel nome di Aleksandra Vujovic e dei suoi 20 punti?
«No, siamo state tutte brave. Senza l’aiuto delle mie compagne non avrei potuto fare una buona prestazione. Quella contro il Bolzano è stata una vittoria importante non solo per i due punti ma soprattutto per il morale. Nelle ultime gare abbiamo sempre sfiorato la vittoria e poi alla fine abbiamo perso».

Sabato arriva il Cus Chieti. Sarà l’occasione per lasciare la coda della classifica?
«Dobbiamo vincere, è l’occasione per sorpassare il Chieti. Conosciamo bene le nostre avversarie, possiamo farcela. In realtà possiamo competere con tante altre squadre che sono molto più avanti in classifica».

Come ti trovi nella Mercede Alghero?
«C’è una bella atmosfera. Mi trovo bene sia con il coach che con le compagne di squadra. Sono soddisfatta anche perché questa è la mia prima esperienza all’estero e per ora si è rilevata molto interessante».

Meglio giocare in Serbia o in Italia?
«Le differenze non sono molte. In Serbia sicuramente c’è molto più agonismo, si lotta per vincere e i ritmi sono più elevati. Penso sia una questione di mentalità. Sono contenta di giocare in Italia anche perché il livello, almeno per quest’anno è un po’ più elevato rispetto a quello del campionato serbo. Come me, molte giocatrici serbe hanno infatti deciso di andare nei campionati stranieri. La lega italiana è una delle più importanti, per me giocare qui è un onore».

Non solo rimbalzi e tiri liberi. Aleksandra, come trascorre il tempo lontana dal parquet?
«Tra partite e allenamenti ho davvero poco tempo da dedicare ai miei hobby. Da quando sono arrivata ad Alghero sarò stata in un pub non più di due o tre volte. La maggior parte del tempo resto in casa, magari leggo un libro, scrivo il mio diario o ascolto un po’ di musica. Purtroppo non posso praticare il mio hobby preferito: il ping pong. Dove posso trovare un tavolo per giocarci?»

Nella foto: Aleksandra Vujovic
Commenti
22:04
Gli uomini di coach Vincenzo Esposito cedono di un punto davanti alle scarpette rosse. 106-107 il risultato dopo 45´ al PalaSerradimigni, nel match valido per la decima giornata del campionato di Lba
© 2000-2018 Mediatica sas