Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaPoesia › Unesco, poesia: Maria Chessa Lai inedita
Red 21 marzo 2012
Oggi si celebra nel mondo la giornata della poesia istituita dall’Unesco. Alguer.it propone una poesia inedita di Maria Chessa Lai, Volva de neu, dedicata alla pronipote Livia
Unesco, poesia: Maria Chessa Lai inedita


ALGHERO - Oggi 21 marzo, si celebra nel mondo la giornata della poesia istituita dall’Unesco. Ad Alguer.it abbiamo pensato di festeggiarla proponendo ai lettori una poesia inedita di Maria Chessa Lai, Volva de neu, dedicata alla pronipote Livia. Con lo stile e il riserbo che ha segnato la sua vita, è morta il 6 di febbraio, pochi giorni prima di compiere 90 anni, lasciando un vuoto di cui ancora non si riesce a percepire il valore. L’Obra cultural ha promosso un suo ricordo per la «Giornata mondiale della poesia», che si terra nella sala conferenze di via Arduino 44, domenica 25 marzo, alle ore 18,30: «Homenatge a Maria Chessa Lai». Parteciperanno Carlo Sechi e Pino Tilocca. Le sue poesie saranno lette da Franca Masu, la sua figura di poetessa in catalano di Alghero sarà presentata da Carlo Demartis e da Nicola Tanda.


Volva de neu
El teu nom frisa
Livia - volva de neu
com ressó de vent
a l’hivernada
amb l’hivern
me só apaciugada
quan la tarda
mori sense dolor.
La nit davalla improvisa
immensa ombra de l’home
se fa la Natura.
Justa estajó és l’hivern
dona la terra repòs a la sembrera
als llavors portats de l’ària
en el vent.
Al caient de la tarda
se gita el sol
a dins de l’horitzó
ixin las ombres
la boirina alça el seu vel
i com bruixeria de rondalla
silenciosa en la nit
cau la neu blanca,
posa recams de cristall
al carrer als arbres.
Alegres dansen en l’ària
volves nívies vestides de blanc.
Dolça petita volva curiosa
deixa la dansa
lleugera blanca
en la mia terra se posa preciosa.
Més ric se fa
el meu petit camp.



Fiocco di neve
Fiocco di neve/ Livia - vibra/ il tuo nome/ come suono di vento/ all’invernata./ Con l’inverno/ mi son pacificata/ quando la sera/muore senza dolore/ improvvisa scende la notte/ immensa ombra dell’uomo/ si fa la Natura./ Giusta stagione e l’inverno/ dona la terra riposo/ alla semente/ ai germi portati dall’aria/ nel vento./ Cade la sera/ si getta il sole/ dentro l’orizzonte/ escon le ombre/ la nebbiolina alza il suo velo/ e come/ incantesimo di fiaba/ silenziosa nella notte/ cade la neve bianca/ posa ricami di cristallo/ alla strada agli alberi./ Allegri danzan nell’aria/ candidi fiocchi vestiti di bianco./ Dolce piccino fiocco curioso/ lascia la danza/ nella mia terra lieve s’adagia./ Diventa più ricco/ il mio piccolo campo.


Nella foto: Maria Chessa Lai
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas