Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteParchi › Ecco le nuove guide del Parco | Video
Red 31 marzo 2012 video
Foto | Al via il piano di fruizione sostenibile e qualificato del Parco naturale regionale di Porto Conte e della foresta demaniale dell’Ente Foreste della Sardegna. Le interviste con Francesco Sasso, presidente di Porto Conte e Giorgio Murino, presidente dell´Ente Foreste della Sardegna
Ecco le nuove guide del Parco | Video


ALGHERO - Da oggi il Parco naturale regionale di Porto Conte può disporre di una ventina di guide ambientali esclusive per accompagnare visitatori e scolaresche lungo sentieri alla scoperta dei luoghi più suggestivi e incontaminati di Porto Conte. Operatori che agiranno nel territorio attraverso un programma di fruizione concordato con l’Ente Parco e l’Ente Foreste della Sardegna, ma in regime di libera professione o in cooperativa se lo vorranno. Il percorso di formazione è durato oltre un anno. Gli aspiranti guide dopo aver sostenuto le selezioni a cura di un ente di formazione accreditato dalla Regione Sardegna, hanno frequentato un corso regionale di formazione di 600 ore e superato gli esami e ora sono le guide esclusive del Parco naturale regionale di Porto Conte.

Coloro che accompagneranno scolaresche, turisti e visitatori verso una fruizione più consapevole e sostenibile dell’area protetta. Visite ed escursioni che potranno essere svolte a piedi, in bicicletta, in fuoristrada. La consegna degli attestati è avvenuta questa mattina (sabato) presso la sede del Parco, Casa Gioiosa a Tramariglio, alla presenza del Presidente del Parco regionale di Porto Conte Francesco Sasso, del direttore Vittorio Gazale e del presidente dell’Ente Foreste della Sardegna Giorgio Murino. Quest’ultimo a margine della consegna degli attestati alle guide ambientali ha manifestato vivo apprezzamento per la favorevole sinergia instaurata con il Parco naturale regionale di Porto Conte per una gestione condivisa e qualificante dell’area naturale della Nurra algherese.

«Con la convenzione stipulata già due anni fa - ha riferito il presidente dell’Ente Foreste della Sardegna Giorgio Murino - è decollato un progetto di crescita comune e che oggi porta i suoi primi frutti con la formazione di queste guide che condurranno i visitatori nell’affascinante esperienza di contatto con la natura incontaminata di Porto Conte. A loro affidiamo anche il compito di trasmettere quelle emozioni che, solo passeggiando in mezzo alla natura, si è in grado di raccogliere e raccontare ciò che di peculiare e interessante è presente nella nostra foresta di Prigionette dove è possibile ammirare un patrimonio faunistico di indiscusso valore. Rappresentando inoltre, il braccio operativo della Regione Sardegna nella gestione e salvaguardia ambientale riteniamo strategico continuare a condividere percorsi di crescita e valorizzazione di questo territorio con il Parco regionale di Porto Conte».

Decisamente soddisfatti del percorso avviato anche il direttore e presidente del Parco di Porto Conte Vittorio Gazale e Francesco Sasso. «La felice collaborazione instaurata con l’Ente Foreste rappresenta un tassello importante per la crescita di questa area protetta regionale - ha riferito il presidente del Parco Francesco Sasso - una collaborazione nata due anni fa, ma che è iniziata anche prima con attività gestionali sinergiche in modo particolare nell’ambito della tutela e gestione faunistica e ancor prima forestale. Non bisogna dimenticare infatti che questo immenso patrimonio naturale di Porto Conte è stato tenuto tale dall’Ente Foreste della Sardegna ancor prima che fosse istituito il Parco naturale. L’Ente foreste rappresenta quindi il nostro primo interlocutore operativo come la stessa legge istitutiva del Parco prevede. Grazie a questa sinergia oggi abbiamo il primo prodotto concreto e cioè guide che daranno quel servizio qualificato ai nostri visitatori. Non più improvvisazione ma serietà competenza e quindi maggiore tutela per quelle aree naturali maggiormente sensibili».

Dello stesso avviso il direttore del Parco Vittorio Gazale. «Con la presenza di questi operatori ambientali formati adeguatamente - ha spiegato il dirigente di Casa Gioiosa - potremo offrire quell’offerta di servizi qualificata che potrà garantire anche quegli standard di salvaguardia e tutela per l’area protetta, ma soprattutto stiamo facendo partire quel meccanismo virtuoso che potrà realmente dare opportunità economiche e occupazionali all’indotto che gravita intorno all’area protetta».
Photogallery
Commenti

24/5/2016
Sabato 28 maggio il Parco nazionale dell’Asinara –Area marina protetta per ridare vita all’ex struttura carceraria situata in località Fornelli promuove una giornata di apertura, un momento di avvio sperimentale per favorire il recupero del supercarcere
14:11
In programma due giorni di educazione ambientale per la Giornata europea dei Parchi
21/5/2016
Venerdì, spazio a Sano e Sardo, Scuola e Parco insieme per la valorizzazione dei prodotti di qualità e per una buona e sana alimentazione
© 2000-2016 Mediatica sas