Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCronacaSicurezza › Finanza: “Maca” va in pensione
Red 20 giugno 2012
Col suo fiuto ha fatto sequestrare circa 1,3 tonnellate di stupefacenti (610 chili di hashish, 670 di marijuana, 36 di cocaina, 4 di eroina e quasi 1000 pasticche di ecstasy)
Finanza: “Maca” va in pensione


Al termine di una carriera durata oltre 10 anni, “Maca”, un pastore tedesco in servizio presso il Gruppo della finanza di Olbia, sta per andare in pensione. Non è l'effetto di alcun provvedimento legislativo bensì il passare degli anni, lunga parte dei quali trascorsi in Gallura dalle Fiamme Gialle a 4 zampe alla ricerca di stupefacenti.

Maca è stato addestrato presso la scuola della Guardia di Finanza, il Centro di Addestramento ubicato a Castiglion del Lago vicino Perugia tra il 2001 ed il 2002. Ha poi iniziato la sua carriera nel corso della quale, giocando alla ricerca del suo manicotto preferito (un asciugamano arrotolato), ha fatto sequestrare circa 1,3 tonnellate di stupefacenti (610 chili di hashish, 670 di marijuana, 36 di cocaina, 4 di eroina e quasi 1000 pasticche di ecstasy).

In tutti questi anni con il suo fiuto ha scoperto e fatto arrestare 82 trafficanti, denunciarne circa 400 e segnalato oltre 1100 assuntori di stupefacenti alla Prefettura. A “Maca”, che a giorni andrà a godersi il meritato riposo, vanno i ringraziamenti delle Fiamme Gialle del Nord della Sardegna e della cittadinanza.

Nella foto: “Maca”
Commenti
22/11/2014
E´ stata presentata ieri presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma in Via Pier della Francesca 3, la nuova livrea delle auto della Polizia di Stato
22/11/2014
Il sindaco di Olbia ha inviato una lettera al ministro dell´Interno Angelino Alfano, al sottosegretario di Stato all´Interno Domenico Manzione, al prefetto ed al questore di Sassari Salvatore Mulas e Pasquale Errico per chiedere di riconsiderare i piani di riorganizzazione in atto, «che tanto danneggerebbero questo territorio»
21/11/2014
Dal Conapo confidano che la lettera inviata «dia una scossa ai destinatari e che diano la giusta attenzione al problema come promesso dal sottosegretario Bocci nella visita al comando dello scorso ottobre e dove ponemmo con un report dettagliato in luce tutte le criticità del Comando»
© 2000-2014 Mediatica sas