Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter Alguer.cat
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaLavoro › Italcementi, l´appello del sindaco Ganau
Red 25 luglio 2012
«Aprire al più presto una vertenza che indichi strade certe per l´occupazione e che garantisca il mantenimento degli impegni contenuti negli accordi siglati nel 2010»
Italcementi, l´appello del sindaco Ganau


SASSARI - «Aprire al più presto una vertenza che indichi strade certe per l'occupazione e che garantisca il mantenimento degli impegni contenuti negli accordi siglati nel 2010». E' l'appello che il Sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau rivolge alle forze sindacali del territorio a sostegno della lotta che i lavoratori della Italcementi portano avanti già da diversi mesi e che nella scorsa settimana ha assunto maggiore vigore.

Da qualche giorno infatti i lavoratori del cementificio di Ossi sono occupati in un presidio permanente davanti allo stabilimento situato sulla strada 131 per chiedere che la società mantenga gli impegni sottoscritti l'anno scorso a tutela del personale.

«Piena solidarietà ai lavoratori dello storico cementificio - aggiunge il primo cittadino di Sassari - per i quali non vi è al momento alcuna certezza sulla loro possibile ricollocazione». «Mi appello a tutte le forze sindacali - prosegue il Sindaco Ganau - affinché venga aperta al più presto una vertenza unitaria che possa garantire il futuro di questi lavoratori». «É necessario che anche per i 32 lavoratori dello stabilimento dell'Italcementi di Sassari - conclude Gianfranco Ganau - la Regione attivi tutte le azioni di tutela previste per le aree di crisi».

Foto d'archivio
Commenti
16:25
Su richiesta della Tirrenia è indetta la chiamata urgente d’imbarco in data 24 luglio 2014 di: un piccolo di camera (munito di attestato di security)
22/7/2014
Massimo Bo è incatenato da lunedì mattina all´ingresso del Tribunale di Sassari per protestare contro le difficoltà burocratiche e le ingiustizie legali che sarebbero alla base della chiusura del Caseificio della Nurra
19:13
Le condizioni di Ledda, che già si era sentito male nella giornata di ieri, hanno convinto i sanitari a farlo scendere dal tetto di Palazzo Sciuti, dove gli operai stanno proseguendo la loro protesta, attuando lo sciopero della fame
21/7/2014
«La Giunta Regionale renda operativi e concreti i propositi di riforma annunciati», chiede la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola Media Impresa della Sardegna
21/7/2014
Nella tarda mattinata di oggi, i lavoratori della società in house sono tornati sul tetto del palazzo di rappresentanza dell’amministrazione, manifestando la propria preoccupazione per il rischio imminente di 150 licenziamenti. Solidarietà da parte del presidente Giudici: «La Regione intervenga subito»
© 2000-2014 Mediatica sas