Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaUrbanistica › Approvate le linee guida Ppr
Red 26 luglio 2012
Una maggioranza comunque sfilacciata con 38 voti ha approvato l´importante passaggio consiliare sul Piano paesaggistico regionale. Contraie le opposizioni
Approvate le linee guida Ppr


CAGLIARI - La presidente Lombardo ha messo in votazione l’ordine del giorno 1 che recepisce le linee guida del Ppr. Sul punto è intervenuto l’on. Gianvalerio Sanna (Pd), che ha detto: «In materia urbanistica lo Stato c’è e noi siamo più sereni per il futuro della Sardegna. Portare avanti queste linee guida senza il consenso dello Stato inficerà tutto il vostro lavoro e ve lo diciamo in anticipo, prima che facciate errori pericolosi».

Anche l’on. Porcu (Pd) ha annunciato il voto contrario: «E’ un esercizio retorico inutile, avete tra-scorso un anno a fare annunci». Secco nel giudizio l’on. Diana, che ha detto: «Noi non possiamo votare contro perché non condividiamo le precedenti linee guida. Ma non possiamo nemmeno votare a favore, perché non siamo d’accordo. Dunque, non ci resta che l’astensione ma solo perché non abbandoniamo l’Aula: non lo abbiamo mai fatto».

L’Idv ha annunciato il voto contrario con l’on. Salis: «Pensiamo che queste linee siano un peggioramento e la nostra rete di salvataggio è rappresentata dal rigore del ministero». Anche per Sel voto contrario. L’on. Uras ha detto: «Questa continua in-certezza sulla pianificazione urbanistica è un danno per i Comuni, per l’economia e la società sarda».
L’Aula ha votato l’ordine del giorno che recepisce le linee guida del Ppr: approvato con 68 presenti, 63 votanti, 38 voti favorevoli, 25 contrari e 5 astenuti.
Commenti
17:07
Comune, Regione e Sovrintendenza d’accordo per ridisegnare uno dei centri più belli, storici e vissuti del capoluogo, senza gazebo e con più spazio per pedoni, cittadini e turisti
24/10/2014
Un clima di incertezza dice Cossa «che potrebbe creare grossi danni non solo alle imprese ma agli stessi cittadini. Chiediamo dunque, ancora una volta, che il governo regionale torni sulla sua decisione e proroghi il vecchio piano casa sino all’approvazione delle nuove norme»
© 2000-2014 Mediatica sas