Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Calich, drastico Muttoni: «torrai a su connottu»
Red 10 agosto 2012
Secondo il chimico Muttoni la soluzione migliore per risolvere il gravoso problema del Calich sarebbe quella di ritornare all´origine, riutilizzando l´impianto di depurazione del Mariotti (o comunque dismettendo San Marco)
Calich, drastico Muttoni: «torrai a su connottu»


ALGHERO - «Lascia stupefatti la logica di chi, per salvare il Calich, sacrifica le campagne della Nurra (dove dovrebbero crescere prodotti agricoli, udite udite, con tanto di marchio di qualità). Lascia ancora di più stupefatti la richiesta di un ulteriore bacino di decantazione e miscelazione il cui fine tecnico lascia perplessi: ci dica, infatti, il Wwf, quale miglioramento qualitativo avrebbero i reflui. Perchè, anche se potessimo disporre di un impianto in grado di distillare i reflui (è fattibile, basta pagare) avremmo sempre il problema di collocare 20000 tonnellate di acqua al giorno».

Così Enrico Muttoni, all'indomani della dura presa di posizione del Wwf Sardegna sul Calich, e il nuovo esposto inviato alla procura della Repubblica affinché si faccia definitivamente luce sulla delicata gestione dei reflui dal nuovo impianto di depurazione della città di Alghero. Il chimico algherese teme che il problema dello scarico dei reflui di Alghero diventi, da risolvibile, un gravissimo danno permanente, e così contesta anche la continua richiesta di accertamenti della regolarità degli scarichi: il depuratore è una macchina con delle prestazioni prefissate dal progetto, e controllate al collaudo - dice - se qualche volta i dati sforano i limiti, è normale, e ci sono gli enti preposti al controllo.

Enrico Muttoni focalizza poi l'attenzione sul riutilizzo dei reflui: «riciclare è bello, ma solo se è utile, conveniente e innocuo, e non a priori». «Sento un po di fastidio quando vedo i giardini pubblici innaffiati con abbondante acqua fresca, e le campagne che mi danno da mangiare con abbondantissima acqua riciclata». E' così difficile ricordarsi che, prima dell'avvio dell'impianto di San Marco, tutto era a posto, tranne i normali disservizi - ricorda Muttoni - l'impianto era progettato bene, e lo scarico a mare non dava il minimo fastidio a nessuno. Allora la soluzione del problema è, per dirla alla sarda (manca l'equivalente Algherese): «torrai a su connottu».

Nella foto: Enrico Muttoni
Commenti
16:38
Il polmone verde di Alghero alla mercé di vandali e incivili. Rifiuti in ogni angolo. Dopo aver riassestato il servizio, con discreti risultati, nel centro urbano, le attenzioni dell'Assessorato si concentrano a Maria Pia. Nuovi bidoni in tutti gli stabilimenti e operai al lavoro
21/6/2017
«Sarà una coincidenza ma quando qualcuno segnala il problema dello Scoglio Lungo, solitamente viene subito etichettato come terrorista da un rappresentante delle istituzioni che tende a negare o a minimizzare il problema». Il presidente del Comitato tuteliamo il Golfo dell’Asinara, Giuseppe Alesso critica aspramente le affermazioni fatte dall’assessore all’Ambiente Cristina Biancu
21:59
Il centro ogliastrino, primo Comune in Sardegna sopra i 10mila abitanti per produzione di rifiuti free, ovvero per aver puntato alla riduzione di rifiuto secco non riciclabile attestandosi ben al di sotto degli standard fissati, è stato premiato a Roma da Legambiente
20/6/2017
Nei giorni scorsi è stata allestita una tenda da campeggio con tanto di materassi, bombola a gas e altre attrezzature capaci di mettere a rischio la sicurezza dell’area verde di fronte la spiaggia di Balai
18:29
L’appuntamento è per domani, venerdì 23 giugno all’Isola dell’Asinara, alle ore 10.30, bordo di Goletta Verde, la storica imbarcazione di Legambiente a tutela del mare e delle coste italiane
21/6/2017
Le serate si svolgeranno alle ore 18.30 in tre diverse zone del Comune: giovedì 29 giugno presso il Museo del Porto; lunedì 3 luglio presso la palestra “A. Nardi” della Scuola Bellieni in Piazza Don Milani e mercoledì 5 luglio presso la sala Ristorante “Li Lioni”
20/6/2017
Il giacimento archeologico di Cala Reale è stato riaperto al pubblico. All'inaugurazione del sito sommerso dell’Asinara con i suoi 38 mila frammenti di anfore anche il soprintendente Francesco Di Gennaro e dell’archeologa Gabriella Gasperetti
© 2000-2017 Mediatica sas