Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Calich, drastico Muttoni: «torrai a su connottu»
Red 10 agosto 2012
Secondo il chimico Muttoni la soluzione migliore per risolvere il gravoso problema del Calich sarebbe quella di ritornare all´origine, riutilizzando l´impianto di depurazione del Mariotti (o comunque dismettendo San Marco)
Calich, drastico Muttoni: «torrai a su connottu»


ALGHERO - «Lascia stupefatti la logica di chi, per salvare il Calich, sacrifica le campagne della Nurra (dove dovrebbero crescere prodotti agricoli, udite udite, con tanto di marchio di qualità). Lascia ancora di più stupefatti la richiesta di un ulteriore bacino di decantazione e miscelazione il cui fine tecnico lascia perplessi: ci dica, infatti, il Wwf, quale miglioramento qualitativo avrebbero i reflui. Perchè, anche se potessimo disporre di un impianto in grado di distillare i reflui (è fattibile, basta pagare) avremmo sempre il problema di collocare 20000 tonnellate di acqua al giorno».

Così Enrico Muttoni, all'indomani della dura presa di posizione del Wwf Sardegna sul Calich, e il nuovo esposto inviato alla procura della Repubblica affinché si faccia definitivamente luce sulla delicata gestione dei reflui dal nuovo impianto di depurazione della città di Alghero. Il chimico algherese teme che il problema dello scarico dei reflui di Alghero diventi, da risolvibile, un gravissimo danno permanente, e così contesta anche la continua richiesta di accertamenti della regolarità degli scarichi: il depuratore è una macchina con delle prestazioni prefissate dal progetto, e controllate al collaudo - dice - se qualche volta i dati sforano i limiti, è normale, e ci sono gli enti preposti al controllo.

Enrico Muttoni focalizza poi l'attenzione sul riutilizzo dei reflui: «riciclare è bello, ma solo se è utile, conveniente e innocuo, e non a priori». «Sento un po di fastidio quando vedo i giardini pubblici innaffiati con abbondante acqua fresca, e le campagne che mi danno da mangiare con abbondantissima acqua riciclata». E' così difficile ricordarsi che, prima dell'avvio dell'impianto di San Marco, tutto era a posto, tranne i normali disservizi - ricorda Muttoni - l'impianto era progettato bene, e lo scarico a mare non dava il minimo fastidio a nessuno. Allora la soluzione del problema è, per dirla alla sarda (manca l'equivalente Algherese): «torrai a su connottu».

Nella foto: Enrico Muttoni
Commenti
11:05
Lunedì 2 marzo ha preso avvio nel territorio comunale di Castelsardo il la nuova gestione integrata dei servizi di igiene urbana, che ha visto il passaggio di consegne dalla società Gesenu spa (operante ininterrottamente dal 2006) alla ditta Chioggiana Adiges
21:30
L´associazione Ambiente Sardegna organizza per domenica 8 marzo un trekking urbano alla scorperta dei panorami più suggestivi della città ma anche dei suoi aspetti ambientali
7:40
Le due amministrazione comunali avrebbero individuato criticità nel quadro programmatico, progettuale, sanitario ed ambientale con particolare riguardo a possibili inquinamenti degli ambienti agricoli con ricadute negative sulla qualità dei prodotti alimentari che caratterizzano fino ad ora le produzioni della zona
1/3/2015
Il candidato a sindaco del Partito democratico, Luciano Mura, chiede che il progetto Syndial su Minciaredda vada rivisto nella parte relativa alla realizzazione della nuova discarica
2/3/2015
Il progetto di bonifica dell’area di Minciaredda, 35 ettari di terreno inquinato nell’area industriale di Porto Torres, presentato da Syndial, non convince neppure il Partito sardo d’azione
28/2/2015
Domenica 1 marzo partirà il nuovo servizio di igiene ambientale che seguirà le modalità stabilite dal contratto d’appalto siglato, in seguito a una gara pubblica, con la ditta Sceas, consociata all’aggiudicataria Ciclat Ambiente
© 2000-2015 Mediatica sas