Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniAmbienteSalviamo la laguna insieme
Antonello Secci* 15 agosto 2012
L'opinione di Antonello Secci*
Salviamo la laguna insieme


Ho sempre apprezzato l'onestà intellettuale di Muttoni, specialmente nei momenti in cui nel passato ma anche ai giorni nostri lanciava il suo grido d'allarme sugli effetti devastanti del depuratore di S. Marco. Capisco il suo dissenso nei confronti della ipotesi del Wwf per un bacino decantatore che utilizzi le acque reflue affinate miscelate con le acque grezze del Cuga. Ripeto, capisco il suo dissenso anche perchè Muttoni è sempre stato contrario all'utilizzo massiccio di reflui immessi nei collettori del Consorzio di bonifica e di qui riversati nei campi della Nurra.

Ma la nostra era solo un'ipotesi, perchè altrettanto valida potrebbe essere l'ipotesi di collettori che sboccano al largo della rada di Alghero, o l'ipotesi del Mariotti. Apriamo un tavolo tecnico e discutiamo di come risolvere il problema. Ma non è questo il nocciolo della questione. L'aspetto importante è che una volta per tutti termini lo sversamento incontrollato, continuo e massiccio di reflui affinati nel Calich. Vogliamo salvarla questa laguna o no? Per questo, caro Muttoni, non posso accettare che lei si rassegni a possibili irregolarità negli scarichi, dicendo che tanto ci pensa l'Arpas a controllare.

L'impianto di depurazione deve essere a norma, punto! Poi non so se lei si riferisse anche al Wwf parlando di ambientalisti di facciata. Se fosse così sarebbe una battuta francamente ingenerosa nei confronti di chi da oltre 40 anni è in prima linea nelle battaglie a difesa del nostro patrimonio naturale. Ma forse era solo una battuta.

*Presidente Wwf Sardegna
Commenti
23/11/2014
Nella classifica del Fai, Fondo Ambiente Italiano, che celebra dieci anni del progetto di valorizzazione della cultura e dell’ambiente siamo all’ultimo posto. Un sintomo che rivela una malattia profonda, che certifica cioè il disinteresse dei sardi per la salvaguardia del proprio territorio ambientale, artistico e paesaggistico e in ultima analisi per la propria identità culturale.
22/11/2014
Nei giorni scorsi in Piazza Fiume una manifestazione che ha coinvolto i cittadini sui temi del riciclo e del riuso dei rifiuti
© 2000-2014 Mediatica sas